Com’è un libro di ricette scritto da due scienziati

Ognuno di noi ha il suo libro di ricette preferito. Può essere quello regalato dalla nonna e conservato come sacra reliquia. O quello di ricette più innovative e sperimentali. Nella nostra libreria ne abbiamo tantissimi. Ma forse questo ci manca. Ecco a voi il libro di ricette scritto da due scienziati. Avete letto bene: non da chef o cuochi amatoriali. Due scienziati.

Si chiama The New Pie ed è un libro di cucina scritto da Paul Arguin e Chris Taylor, due scienziati con la passione per la cucina e per i dolci. Hanno deciso di cimentarsi anche loro nell’editoria enogastromica perché erano stanchi dei soliti libri di cucina, che spesso sono molto difficili da interpretare e da capire. Soprattutto per chi lavora ogni giorno con la scienza. Cosa può voler dire, ad esempio, mescolare fino a ottenere un composto denso. Quanto denso?

libri-di-ricette-scienziatilibri-di-ricette-scienziati

I due autori hanno sempre sofferto diciture di questo tipo. Che vanno di pari passo con il famigerato Q.B., quanto basta. Ma quanto è abbastanza? E così Paul Arguin e suo marito Chris Taylor, che lavorano entrambi ai Centers for Disease Control di Atlanta, hanno deciso di creare il loro libro di ricette in cui niente è lasciato al caso. Tutto è dosato, pesato e le indicazioni sono ultra precise, anche per quello che riguarda temperature, composizione del composto e tanto altro. Insomma, un libro di ricette scientifico.

In realtà i due autori sono già molto famosi per le loro creazioni. Dolci che hanno vinto numerosi premi. E adesso condividono con noi i trucchi del mestiere. Così sarà più facile creare delle torte con le loro ricette scientifiche: sbagliare sarà impossibile!

Avatar Patrizia

15 Marzo 2019

commenti (1)

Accedi / Registrati e lascia un commento

  1. Avatar Pierluigi ha detto:

    Ordinato.
    E’ un libro solo di pasticceria, e nella pasticceria parla solo di pie.
    Se non sapete la differenza tra cake e pie non chiedete a me; vi so dire se una cosa e’ cake o pie, ma non so spiegarvi la differenza 🙂