Conosciamo Giorgio Locatelli, da stasera giudice di MasterChef Italia 8

Giorgio Locatelli, da stasera giudice di MasterChef Italia 8, è lo chef lombardo che ha fatto fortuna a Londra con Locanda Locatelli

Inizia oggi alle 21.15 su Sky Uno la stagione numero 8 di MasterChef Italia.

Come sappiamo da tempo, insieme a Bruno Barbieri, Antonino Cannavacciuolo e Joe Bastianich ci sarà un nuovo giudice, Giorgio Locatelli.

[Spaghetti per cui vale la pena vivere: avete solo 4 possibilità]

[Com’è Masterchef dietro le quinte]

Chi è Giorgio Locatelli, il quarto giudice

Lo chef nato a Corgeno (frazione di Vergiate, sponda varesina del Lago Maggiore), 55 anni, ha il merito di aver introdotto a Londra la cucina italiana autentica diciassette anni fa quando –con la moglie Plaxi– ha aperto il ristorante Locanda Locatelli in Seymour Street.

È stato anche il primo chef italiano a guadagnare una stella Michelin all’estero, nel 1999 con il ristorante Zafferano.

Ai clienti della Locanda Locatelli, tra i quali capita spesso di incrociare volti famosi –da Mick Jagger a Boris Johnson, da Madonna a Tony Blair– piacciono molto le linguine con l’aragosta pescata nel Nord della Scozia, o le capesante che arrivano dall’Irlanda cucinate con aspretto di zafferano, e ovviamente i piatti di pasta, simbolo del ristorante, nonostante il prezzo sostenuto: da 25 sterline in su.

Come accade spesso agli chef di rango internazionale, Giorgio Locatelli ha aperto anche un ristorante a Dubai —Ronda Locatelli— all’interno dell’hotel e resort 5 stelle Atlantis The Palm.

Da stasera scopriremo come se la cava in tivù, ma va detto che lo chef lombardo ha già all’attivo alcuni programmi di successo con la Bbc.

Il primo episodio della stagione numero 8

Insieme agli altri giudici dovrà scegliere nel Live Cooking –cioè la prima fase delle selezioni aperta a 80 cuochi amatoriali– i 40 che accederanno alla prova dell’Hangar, dove il gruppo si dimezzerà di nuovo, visto che i posti nella Masterclass sono soltanto 20.

I candidati avranno 45 minuti per preparare un piatto con ingredienti portati da casa e 5 minuti per completarlo davanti ai giudici con il supporto di parenti e amici in balconata.

I giudici ammazzati dalla carbonara dei Jackall

“Ogni volta che cucini di merda uno chef nel mondo muore”, lo pensano i Jackal, il gruppo di videomaker napoletani con annessa società di produzione, che con una carbonara piena di ingredienti poco ortodossi uccideranno i giudici di MasterChef.

La pancetta al posto del guanciale “avvelena” Antonino Cannavacciuolo, il parmigiano sostituisce il pecorino e manda al creatore Bruno Barbieri, per non parlare del colpo di grazia: la panna da cucina responsabile dell’eliminazione di Giorgio Locatelli. Per accoppare Joe Bastianich poi, i Jackal ricorrono a un ingrediente ancora più spregiudicato.

Avatar Anna Silveri

17 Gennaio 2019

commenti (1)

Accedi / Registrati e lascia un commento

  1. Avatar Fabio.M ha detto:

    Una precisazione, Corgeno non é sul Lago Maggiore, ma si affaccia sul piccolo lago di Comabbio.