Crackers salati e Crackers integrali di Certossa: richiamo per rischio fisico

Nuovo richiamo sul sito Salute.gov: ritirati dal commercio un paio di lotti dei Crackers salati e dei Crackers integrali di Certossa per un rischio fisico.

crackers

È stato pubblicato un nuovo richiamo sul sito Salute.gov: sono stati ritirati dal commercio un paio di lotti dei Crackers salati e dei Crackers integrali di Certossa a causa di un rischio fisico. La data di pubblicazione dell’allerta sul sito risale a qualche giorno fa, mentre sugli avvisi di richiamo veri e propri la data effettiva dei controlli è quella del 4 agosto 2021.

In entrambi i richiami il marchio del prodotto è Certossa, il nome o ragione sociale dell’OSA a nome del quale il prodotto è commercializzato è Lidl Italia s.r.l. a socio unico e il nome del produttore è Nuova Industria Biscotti Crich SpA, con sede dello stabilimento in via Alcide De Gasperi 11 a Zenson di Piave, provincia di Treviso. Sull’avviso non è indicato il marchio di identificazione dello stabilimento o del produttore.

Queste sono le denominazioni di vendita esatte dei prodotti interessati dal richiamo, inclusi i lotti di produzione, la data di scadenza o termine minimo di conservazione e l’unità di vendita:

  • Crackers salati senza granelli di sale in superficie: numero di lotto 6031, data di scadenza o termine minimo di conservazione del 22 luglio 2022 e unità di vendita rappresentata dalla confezione da 500 grammi
  • Crackers integrali: numero di lotto 6011, data di scadenza o termine minimo di conservazione del 20 luglio 2022, unità di vendita rappresentata dalla confezione da 500 grammi

Il motivo del richiamo è un rischio fisico, cioè la potenziale presenza di corpi estranei (nell’avviso non viene specificato di che tipo si tratti). Nelle avvertenze i consumatori sono invitati a non consumare i numeri di lotto sopra indicati e a riportarli presso il punto vendita di acquisto per il rimborso.

Inoltre viene specificato che il richiamo è valido solamente per le filiali Lidl di Torino in via Germonio (5 pezzi venduti) e di Torino in via Traiano (1 pezzo venduto): altri punti vendita Lidl non sono coinvolti nel richiamo.

Potrebbe interessarti anche