di Manuela 30 Dicembre 2019
Dom Perignon

A Napoli è successa una cosa assai strana: nel quartiere Ponticelli è stato registrato un record anomalo di acquisti di champagne Dom Perignon comprato con il Reddito di cittadinanza. La notizia sarebbe stata segnalata da Il Mattino e poi ripresa da numerose altre testate come Skytg24 e altre locali come NapoliToday, Cronache della Campania e Edizione Caserta.

Il quartiere di Ponticelli di Napoli avrebbe visto un incremento notevole di acquisti di bottiglie di Dom Perignon da 150 euro. Difficilmente il Dom Perignon può essere considerato un bene di prima necessità, ma, a dire il vero, le fonti parlano più che altro di un’anomalia di vendita più che di un’irregolarità.

Questo fatto curioso andrebbe a sommarsi ai dati di un’indagine ufficiale della Guardia di Finanza: tramite essa, nelle province di Caserta e Napoli sono stati trovati 80 furbetti che beneficiavano di tale sussidio. Di questi 80, 64 sono stati denunciati, mentre 16 sono stati segnalati all’INPS.

La Guardia di Finanza, infatti, ha scoperto che metà di queste 80 persone che avevano “diritto” al Reddito di cittadinanza in realtà lavoravano in nero come camerieri, baristi, pizzaioli, operai, muratori, magazzinieri e addetti agli auto-lavaggi. Ma non è finita qui: un ex titolare di un famoso caseificio usufruiva del Reddito di cittadinanza pur girando su un lussuoso SUV. Quando le forze dell’ordine hanno controllato la sua domanda per il Reddito di cittadinanza, hanno notato che l’uomo aveva omesso di segnalare che la moglie era titolare di reddito e intestataria di diversi beni patrimoniali.