di Manuela 13 Gennaio 2021
mascherine

Andiamo a Fabriano, in provincia di Ancona, perché qui in un supermercato si è scatenata una rissa a causa di un cliente con la mascherina abbassata che si è rifiutato di indossarla correttamente.

In un esercizio commerciale situato nel centro storico, un cliente è entrato non indossando correttamente il dispositivo di protezione individuale. Così un addetto del supermercato, così come previsto, lo ha ripreso chiedendogli di indossarla in maniera giusta. Ed è a questo punto che è scoppiata la rissa: fra pugni, calci e schiaffi, la lite fra il cliente riottoso e l’addetto del supermercato si è spostata dall’interno del locale all’esterno.

Subito allertati, sono intervenuti gli agenti del Commissariato di Pubblica Sicurezza che hanno provveduto a separare i due uomini, tutti e due di origine italiana e sui 40 anni. A causa della zuffa, i due sono stati portati al Pronto Soccorso dell’ospedale “Engles Profili” dove sono stati diagnosticati traumi e contusioni.

In particolar modo, per l’addetto del supermercato è stata formulata una prognosi di 30 giorni. Adesso la Polizia sta indagando sull’accaduto per capire cosa sia successo e se nella lite siano state coinvolte anche altre persone.

Una cosa analoga è accaduta pochi giorni fa a Imperia: qui era stato un ristoratore ad essere aggredito da un cliente a cui aveva chiesto di indossare la mascherina così come previsto dalla legge.

1