di Manuela 10 Luglio 2020
pesche

Purtroppo nel settore della frutta è stato registrato un calo del 30% per pesche e nettarine a causa del maltempo e dei relativi danni provocati ai raccolti. Per questo motivo è partita una campagna promozionale organizzata da Interprofessionale Ortofrutta Italia e dal Ministero delle Politiche Agricole.

Tale campagna inizierà nel weekend: a causa del clima e delle gelate notturne di primavera, sono state raccolte solo 800mila tonnellate di pesche e nettarine (ma non solo: anche il raccolto di ciliegie è stato gravemente penalizzato). In realtà non è stata solo l’Italia vittima di questa diminuzione: in tutta Europa si è notato un calo rispetto sia ai volumi dell’anno scorso che alla media del periodo 2014-2018.

Tutta colpa delle variazioni climatiche: l’inverno non troppo freddo seguito dalle gelate primaverili e dalle grandinate, hanno ridotto la produzione di alcuni territori come la Romagna.

In quest’ottica si inserisce tale iniziativa promozionale che punta soprattutto sulla qualità: è stato adottato, infatti, un Regolamento che alza diversi parametri qualitativi, fra cui colore e dolcezza. In circa 5mila punti vendita in tutta l’Italia dovreste trovare cartelli informativi che spiegano quali siano i principali tipi di pesca.

La campagna interesserà tutte la filiera produttiva, dai produttori agricoli alle più importanti catene della Distribuzione, fino ad arrivare a grossisti e venditori al dettaglio.