Giappone: stato di emergenza per altre 8 prefetture, chiusure anticipate per ristoranti

Il Giappone amplia lo stato di emergenza ad altre 8 prefetture, il che vuol dire chiusure anticipate per i ristoranti e limiti di accesso nei centri commerciali.

ristorante giapponese

Aumentano i casi di Coronavirus in Giappone: per questo motivo il Governo ha deciso di estendere lo stato di emergenza ad altre otto prefetture (si sommano alle 13 già sottoposte a restrizioni, fra cui anche Tokyo e Osaka) con chiusure anticipate per i ristoranti. E questo proprio mentre le Paralimpiadi 2020 vanno avanti.

Questo vuol dire nuove misture restrittive attive da oggi e fino al 12 settembre minimo. Le nuove prefetture interessate, così come riportato dall’agenzia Kyodo, saranno quelle di:

  • Hokkaido
  • Miyagi
  • Gifu
  • Aichi
  • Mie
  • Shiga
  • Okayama
  • Hiroshima

supermercati giapponesi

Ma cosa vuol dire? In pratica le prefetture sottoposte allo stato di emergenza avranno nuove restrizioni a cui sottostare. Fra di esse spicca la chiusura anticipata per i ristoranti, così come anche l’obbligo di limiti di accesso nei centri commerciali. Inoltre il premier nipponico ha anche sollecitato le aziende a implementare lo smart working in modo da diminuire gli spostamenti e ridurre le possibilità di contagio.

Yasutoshi Nishimura, ministro responsabile della risposta all’emergenza sanitaria, ha spiegato che la situazione dell’assistenza in queste zone è “molto grave”. Il fatto è che in Giappone sono stati registrati più di 20mila nuovi casi di Covid-19 in 24 ore, con Tokyo che da sola ha registrato 4.228 contagi.

Ricordiamo che già a maggio lo stato di emergenza in Giappone era stato prolungato, con ristoranti e bar spinti a chiudere alle 20.

Potrebbe interessarti anche