di Cinzia Alfè 26 Aprile 2018

Intingere le patatine fritte nella maionese o nel ketchup? Quante volte, in passato, l’ardua decisione ci ha spezzato il cuore.

Ma ora Heinz, quinto maggiore gruppo alimentare del mondo, con un fatturato che viaggia nell’ordine di grandezza dei 30 miliardi di dollari, ha deciso di sollevarci da tanto tormento, lanciando “Mayochup” , che sì, è proprio ciò che il nome vi suggerisce: una combinazione già pronta e dosata di maionese e ketchup.

[Kraft e Heinz si uniscono: perché tutti dicono che nasce il quinto maggiore gruppo alimentare?]

Ora non dovremo arrovellarci su quale salsa scegliere a ogni morso, né affaticheremo più le stanche membra nel mescolare le due salsine: basterà prendere il barattolo, spremerlo, e un miscuglio giallo-rosa si rovescerà su patatine e hamburger.

Il lancio del nuovo prodotto è stato accolto con gaudio da molti, che su Twitter domandano da giorni dove si può comprare la salsa delle meraviglie o chiedono quando sarà disponibile nel loro Paese, visto che per ora l’unico mercato in cui Mayochup esiste –fortunati mortali–  è quello mediorientale.

Ma tra molti entusiasti ci sono anche i “profondamente perplessi” dal nuovo ibrido, qualcuno lo considera un’invenzione adatta solo a inguaribili accidiosi mentre altri affermano che Mayochup altro non sarebbe che la vecchia salsa “Aurora“, nei Paesi anglofoni chiamata “salsa Marie Rose”, che ancora oggi provoca in noi incubi ricorrenti a base di stucchevole agglomerato rosastro da cui sbucavano incolpevoli gamberetti denudati.

[Ne abbiamo contati 62: storia, presente e futuro degli ibridi nel cibo]

Sia ciò che sia, se Heinz l’ha lanciata significa che Mayochup un futuro –breve o lungo lo scopriremo solo vivendo– ce l’ha, e di conseguenza, dopo il Medio Oriente, esistono concrete possibilità che la salsa arrivi anche da noi.

[Crediti: Elite Daily]