Il Ristorante degli chef ha battuto tutti i record: Il buonappetito

L’altra sera mi sono imbattuto nel Ristorante degli chef, il talent Rai che sta battendo tutti i record: sono poche le trasmissioni partite così male. Ho indugiato sul programma qualche minuto ed è vero che forte è l’impressione di déjà vu, con praticamente tutto identico agli ormai innumerevoli format e sopra tutti al primevo Masterchef. Stesse postazioni, stesse sfide, stesse conversazioni, stessa struttura, stessi tipi umani, tutto uguale.

Ma scenografie e meccanismi fotocopia in altri ambiti non si sono dimostrati letali: The Voice è sostanzialmente X Factor, Italia Got Talent e Tu sì que vales manco li distinguo.

[Il ristorante degli chef ha perso metà spettatori]

[Il ristorante degli chef arriva con 7 anni di ritardo]

Quello che secondo me invece è mortale, è che gli autori continuino a riproporre solo un tipo di personaggio: lo chef severo ma giusto. Sempre quello. Tutte le volte lo stesso. Che lo interpreti Cracco o Berton, la Potì o Knam, lo stereotipo è sempre il medesimo. Severo, ma giusto (e qualche volta un po’ stronzo).

Secondo me c’è tanta pigrizia, dietro. I tre giudici de Il Ristorante degli chef sono tre ottimi professionisti e tre persone diversissime una dall’altra e dai loro altri colleghi che fanno televisione: quelle differenze vanno esaltate, devono migrare dalla persona al personaggio fortificandolo, se no Isabella Potì finisce per assomigliare ad Antonia Klugmann quando non hanno affatto la stessa personalità.

Se Cannavacciuolo ha spaccato così tanto, è perché al solito stereotipo del severo ma giusto ha saputo aggiungere l’X factor, cioè la napoletanità, quell’empatia speciale che solo a Napule sanno fa’.

L’omologazione è una scorciatoia ed è amata dai pigri: è il modo più veloce per raggiungere i primi risultati. Ma per andare avanti, in TV, come in cucina, ci vuole identità. Se no finisci a fare uno share che nemmeno LEU alle politiche.

Luca Iaccarino

6 dicembre 2018

commenti (3)

Accedi / Registrati e lascia un commento

  1. Mirko Inglese ha detto:

    Isabella Poti, 22 anni , come giudice piena di ‘saccenza’, fa ridere o fa pena. La prossima volta mettiamo come giudice una bimba dello zecchino d’oro con Cracco e Alaine Ducasse solo peche’ sa stendere lo zucchero a velo.Con tanti bravi mega Chef a disposizione in Italia, includendo anche le donne ovviamente, hanno scelto una 21 enne che conosce 4 piatti zuccherini.

    1. Franco ha detto:

      Potì prima di giudicare dovrebbe imparare a sorridere.

    2. Me Medesimo ha detto:

      Se il suo sorriso è come quello in foto… forse è meglio di no.

«