di Manuela 2 Giugno 2021
polli

Si torna a parlare di influenza aviaria. Dopo l’allarme per il nuovo virus H5N8, ecco che dalla Cina arriva la notizia del primo caso nel mondo di infezione nell’uomo da virus H10N3.

La Commissione nazionale cinese per la sanità ha diramato una nota stampa ufficiale nella quale ha rivelato che il caso in questione è stato registrato nella provincia orientale del Jiangsu.

Il paziente è un uomo di 41 anni che avrebbe sviluppato febbre e altri sintomi non ben specificati il 23 aprile scorso, salvo poi essere ricoverato il 28 aprile a causa del peggioramento delle sue condizioni di salute. Al momento pare che le condizioni dell’uomo siano stabili, tali da garantire la soddisfazione degli standard necessari per le sue eventuali dimissioni dall’ospedale.

Nel frattempo, mentre l’uomo veniva curato e tenuto sotto osservazione, ecco che le autorità provinciali hanno portato avanti sia il monitoraggio dei contatti stretti del paziente, sia quello relativo all’eventuale emergenza nell’area di insorgenza. A seguito dei controlli, però, hanno dichiarato di non aver riscontrato anomalie di nessun genere.

La nota della Commissione, poi, ha sottolineato che questo contagio è stato il frutto di una trasmissione occasionale incrociata dal pollame all’uomo. Pertanto il rischio di diffusione su larga scala è molto basso. Non so perché, ma ho una specie di deja-vu.