di Cinzia Alfè 21 Aprile 2018

Sono delle semplici barrette di wafer ricoperte di cioccolato, solo di forma leggermente più alta e svasata rispetto a quelle tradizionali. Eppure, proprio la loro forma è oggetto di infinite dispute legali.

La Corte di Giustizia europea ha stabilito che la forma delle barrette di Kit Kat prodotte dalla Nestlè non sia così particolare e riconoscibile, e quindi meritevole di tutela. Nonostante la stessa forma sia stata giudicata “non imitabile” dalla stessa Corte dal 2006 al 2016: “un errore”, secondo le attuali pronunce dell’ente europeo.

[Ma quanti gusti di Kit Kat ci sono in Giappone?]

La Corte di giustizia UE, come riporta il Guardian, ha quindi ribaltato il suo vecchio parere, visto che Nestlè non è stata in grado di dimostrare l’originalità della forma in tutti i Paesi dell’Unione, tra cui Belgio, Grecia, Irlanda, Portogallo e Lussemburgo, mentre invece è riuscita a dimostrarlo solamente per alcuni Paesi, ovvero Germania, Danimarca, Spagna, Francia Austria, Finlandia, Svezia, Belgio e anche Italia.

Non abbastanza per la tutela del marchio, che richiede il riconoscimento da parte di tutti i Paesi UE.

Se nelle sentenze successive verrà confermata l’indicazione dell’Avvocatura generale, la forma delle barrette Nestlè potrà essere replicata da tutti i competitor. E pensare che Nestlè ha investito dai 3,5 ai 12 milioni di euro all’anno dal 1996 al 2007 in pubblicità. Più di 45 milioni di euro sono stati spesi nella sola Gran Bretagna nel 2010.

[Il sushi fatto col Kit Kat: ibridi alla moda in Giappone]

Una storia lunga, quella della tutela delle barrette di cioccolato, un’annosa questione legale che da anni si trascina tra Nestlè e Mondelēz, già Cadbury Schweppes. Quando nel 2006 Nestlè ottenne il riconoscimento europeo del carattere “distintivo e intrinseco” delle sue barrette, Mondelēz si oppose, dando inizio a una infinita querelle legale. Dal canto suo, Nestlè si oppone alla tutela europea delle barrette di cioccolato della Mondelēz chiamate “Cadbury’s Daily Milk”.

Ma Mondelēz una prima vittoria sul campo l’aveva già riportata: la particolare forma a zig-zag del Toblerone è stata invece riconosciuta meritevole di tutela, e quindi non imitabile.

[Il meglio del peggio: KitKat al wasabi e altre libertà negate a noi italiani]

In pratica, d’ora in avanti, quando mangeremo il Toblerone sapremo con certezza di gustare l’originale, mentre quando addenteremo barrette a forma di trapezio, non staremo per forza mangiandoci dei Kit-Kat.

[Crediti: The Guardian]

commenti (1)

Accedi / Registrati e lascia un commento