Le uova che evitano il massacro dei pulcini maschi

L’anteprima l’aveva data il Guardian subito dopo Natale: nei supermercati della catena Rewe di Berlino sono in vendita uova provenienti da allevamenti che non uccidono i pulcini maschi, come avviene di solito.

La strage di pulcini si evita così: una tecnica innovativa consente di individuare il sesso del nascituro a uova ancora chiuse, dopo di che vengono fatte schiudere solo le uova delle femmine, mentre le altre diventano mangimi per animali.

[15 uova, italiane, bio e gourmet, senza rivali]

[Dall’unico ristorante al mondo di sole uova, 5 segreti per cucinarle]

[Compro consapevole: il codice delle uova]

L’uccisione dei pulcini maschi poche ore dopo la nascita negli allevamenti di galline ovaiole, avviene perché non fanno uova e non c’è convenienza a farli crescere per la carne. In genere i cuccioli vengono triturati vivi diventando mangime per rettili. Ogni anno nel mondo questa infausta sorte spetta a circa 6 miliardi di pulcini, una vera spina nel fianco per gli animalisti.

La tecnica che permette di riconoscere il sesso del nascituro prima della schiusa, anzi, dopo sole 9 ore di incubazione delle uova, è stata messa a punto e brevettata dopo quattro anni di studi finanziati dal Ministero tedesco dell’Agricoltura.

L’Università di Lipsia ha elaborato un marcatore chimico che, una volta a contatto col fluido interno dell’uovo, assume un colore diverso se l’embrione è maschio o femmina.

Il processo di riconoscimento, sicuro dal punto di vista igienico e con un quoziente di accuratezza del 98,5%, si avvale di un dispositivo realizzato dalla società olandese HatchTech che pratica un micro-foro di 0,3 mm. sulle uova con un laser ed estrae il liquido con aria compressa, in un secondo di tempo.

Le prime uova con il marchio “Seleggt”, che segnala come nell’allevamento non siano stati uccisi i pulcini maschi, hanno fatto il loro debutto nei supermercati Rewe a novembre, mentre la diffusione in tutti i negozi tedeschi è prevista entro quest’anno, con un prezzo leggermente superiore rispetto a quelle normali.

[Crediti | The Guardian]

Avatar Anna Silveri

4 Gennaio 2019

commenti (6)

Accedi / Registrati e lascia un commento

  1. Avatar Dixie ha detto:

    Uccidi prima, uccidi dopo, in ogni caso mangime. I vegani non ne mangeranno perché è comunque sfruttamento, gli onnivori se ne fregheranno, la storia potrà al massimo impietosire qualche latto-vegetariano indeciso.

    1. Sono onnivoro, non ne faccio un discorso morale, solo che a leggere certe cose, resto interdetto.
      Davvero Dixie, non vede la differenza? Che i veg non mangeranno le uova, pulcini maschi uccisi o meno che siano, siamo d’accordo, e che gli onnivori “se ne fregheranno”, può anche darsi, ma vuole veramente affermare che non ci siano differenze? Estremizzando; Se parlassimo di esseri umani…per lei quindi abortire un feto concepito da 9 ore (NOVE ORE) o eliminare, triturandolo da vivo, un bambino appena nato…è la stessa cosa? 🤔
      Ricercatori, scienziati, tecnici e chiunque abbia speso 4 anni della propria vita a realizzare questa soluzione, per lei lo ha fatto per
      “impietosire qualche latto-vegetariano indeciso”? [me/braccia che cadono]

    2. Avatar luca ha detto:

      Anche io sono onnivoro, non un latto-vegetariano …
      Sono contento se agli animali vengono risparmiate sofferenze inutili od evitabili .
      E mi sembra pure ovvio …

  2. Avatar Chiara ha detto:

    Io trovo che sia una bella notizia. Non capisco perché la pietà e l’empatia verso gli animali debbano essere considerate un disvalore. Chi non si impietosisce per dei pulcini triturati vorrebbe dimostrare di essere un duro, ma risulta solo insensibile e cinico. Caratteristiche che non sono mai state utili a nessuno, a niente, in nessun tempo e luogo.

    1. Avatar Orval87 ha detto:

      No, nel medioevo era caratteristiche ricercate credo 😀

  3. Avatar Manmachine ha detto:

    Dal punto di vista della strategia aziendale credo che il risparmio di sofferenza nei confronti dei pulcini sia solo un side-effect. Innanzitutto commercializzare queste uova permette all’azienda produttrice di risparmiare sull’incubazione di uova non proficue, sulla speratura (riconoscimento) dei pulcini maschi e sulla successiva eliminazione in un sottoprodotto di scarto dal basso valore commerciale.
    Voi vedeteci pure gli tutti scopi salva coscienza che volete, io ci vedo solo del gran marketing.