di Manuela 16 Aprile 2020
panificio

Succede in provincia di Napoli: a Marano i Carabinieri hanno scoperto e chiuso un panificio abusivo. La cosa particolare, però, è che il suddetto panificio ha fatto di tutto per farsi trovare: in bella vista esponeva il cartello “Vendo pane”.

Vi ricordate del cartone animato Occhi di gatto? Se rammentate la banda annunciava alla polizia i propri colpi con un bigliettino da visita. Ecco, qui potrebbe essere quasi la stessa cosa. Per quale motivo un panificio abusivo decida di farsi pubblicità con un bel cartello (tranquillamente visibile non solo ai potenziali clienti, ma anche alle forze dell’ordine) in cui dichiara di vendere pane, non è chiaro. Soprattutto durante un periodo nel quale i controlli di questo tipo sono più serrati a causa dell’emergenza Coronavirus.

Comunque sia, i Carabinieri della stazione locale proprio in mattinata si sono recati in una vecchia masseria sita in via Vallesana, vicino al cimitero comunale. Insospettiti da quel cartello “Vendo pane”, i militari dell’Arma hanno deciso di fare irruzione nel locale.

Qui hanno colto in flagranza di reato i due proprietari del panificio, fratello e sorella. I due avevano appena preparato e sfornato 60 kg di pane. Ovviamente si trattava di prodotti sprovvisti di autorizzazioni sanitarie e amministrative di qualsiasi tipo. I due proprietari del panificio sono stati subito denunciati, mentre il forno è stato sequestrato. Inoltre pare che siano anche in corso indagini e verifiche di tipo urbanistico su tutta la struttura.