Matteo Salvini si è dato ai prodotti tipici italiani: cambio di strategia

Signori, il profilo Instagram di Matteo Salvini ha subito una svolta. Il vice Premier sembra aver dato l’addio alla Nutella, alla Pasta Barilla, ai sughi pronti. Al loro posto, invece, compaiono prodotti tipici locali. Forse un modo per conquistare il cuore degli italiani? Il campanilismo premia? A quanto pare sì.

Altrimenti non si spiega il perché di questa inversione di tendenza. Dalla Nutella, uno dei prodotti più amati dagli italiani, siamo passati ai Pizzoccheri della Valtellina, alla Focaccia di Recco, al Peperone crusco: tutti prodotti tipici della tradizione culinaria italiana. Lo avevate notato?

Matteo Salvini, il peperone crusco, i pizzoccheri

Sembrano passati secoli (ma è trascorsa qualche settimana) da quando Matteo Salvini, sul suo profilo Instagram, postava foto della sua colazione a base di pane e Nutella. Il messaggio era chiaro: Salvini uno di noi, mangia pane e Nutella. Ma forse la crema spalmabile più amata dagli italiani, ideata nel 1864 dall’industria dolciaria piemontese della Ferrero, ha esaurito la sua spinta.

Dopotutto sembrano passati secoli anche da quando la Lega Nord se la prendeva con il sud Italia, ma ora (e per l’esattezza ieri sera) il suo maggior esponente punta la sua comunicazione sul peperone crusco, che proprio padano non è.

View this post on Instagram

La mia serata con il peperone crusco 🌶 #Basilicata

A post shared by Matteo Salvini (@matteosalviniofficial) on

Proprio così: Matteo ci notifica che la sua serata a Matera è trascorsa in compagnia del Peperone crusco. Per chi non fosse avvezzo ai piatti della tradizione, il Peperone crusco è un piatto tipico della cucina lucana. E’ un peperone rosso dolce, preferibilmente della varietà peperone di Senise, che viene prima essiccato e poi fritto per qualche secondo, diventando particolarmente croccante. Uno snack tipico della Basilicata, insomma, che conoscerete anche per il baccalà alla lucana, o per il suo utilizzo, sbriciolato, nelle orecchiette con cime di rapa.

View this post on Instagram

#Pisticci #Basilicata #24marzovotoLega

A post shared by Matteo Salvini (@matteosalviniofficial) on

Il Ministro è in Basilicata, in caso non si fosse capito, per le elezioni regionali del 24 marzo. Potrebbe limitarsi all’hastag #24marzovotolega, ma questo trend del cibo gli piace parecchio e ne approfitta per farsi un selfie in un locale di Pisticci.

Il suo nuovo mood ormai è ufficiale: proprio ieri Matteo Salvini ci salutava dalla Brianza con un piatto di Pizzoccheri di Teglio.

Scorrendo un po’, ecco che arriviamo alla mitica Focaccia di Recco (dedica due post per la Focaccia, dev essere proprio popolare).

Ma andiamo ancora più giù: ecco Salvini che addenta dei gamberi freschi (sottolineando che sono italiani), nudi e crudi, presso il mercato di San Benedetto a Cagliari. E potremmo proseguire con il piatto di cavoli bolliti con olio e finocchi, rigorosamente raccolti in Sardegna o la con la sua colazione sarda: non è il massimo per esprimere vicinanza agli allevatori, in questo difficile momento?

Avatar Manuela

12 Marzo 2019

commenti (4)

Accedi / Registrati e lascia un commento

  1. Avatar aspasia19 ha detto:

    Facebook, twitter, giornali, telegiornali, anche su Dissapore mi tocca Matteo Salvini? Non potete proprio farne a meno?

  2. Avatar ROSGALUS ha detto:

    A quando la cocomera di Santa Vittoria o la prugna zucchella di Lentigione ?

    Milioni di italiani sono in angoscia per sapere quale sarà la prossima scelta.
    Lentigione o Santa Vittoria ?

  3. Avatar gigio ha detto:

    Che popolo senza memoria storica…me li immagino proprio gli abitanti di Madrid fra tre o quattro anni votando per gli indipendentisti catalani. Salvini ha annunciato ieri che dovrà lasciare la Basilicata il fine settimana per andare a vedere il derby fra gli applausi degli abitanti di Policoro…paese con meno laureati d’Europa dopo la Romania, e con la maggior quantità di razzisti autodichiaratisi tali dopo Ungheria e Polonia, altro che i peperoni cruschi titati fuori a convenienza.