di Manuela 6 Aprile 2020
McDonald's

La fila di rider davanti al McDonald’s fa indignare la Cgil che si chiede se loro siano immuni al Coronavirus. A diramare l’allarme è stato Andrea Gattuso, segretario della Nidil Cgil: in Sicilia ha fatto discutere parecchio la foto di una fila di rider di Glovo in attesa davanti al McDrive di ricevere gli ordini da portare a domicilio.

Per questo motivo Andrea Gattuso ha chiesto al sindaco di Palermo e al presidente della Regione, tramite i social network, se sia normale che un ristorante come McDonald’s riapra in questa situazione e consenta il delivery. E ha poi chiesto se la ricerca del profitto possa andare a scapito della salute pubblica.

Il segretario ha poi concluso con la speranza che le autorità competenti facciano chiudere il ristorante e mettano i rider in condizioni di operare in sicurezza.

Bisogna sottolineare però, una cosa: se i rider sono dotati di dispositivi di protezione individuali (mascherine e guanti) e rispettano la distanza interpersonale di un metro, quando aspettano in fila gli ordini, in che cosa differiscono dalle persone in fila per i supermercati o le farmacie? Forse sarebbe più opportuno non chiedere la chiusura, ma che ci sia qualche addetto preposto a controllare che DPI e distanziamento interpersonale venga mantenuto correttamente dai rider.

Fra l’altro poi da parte di Glovo è partita una settimana fa quasi la distribuzione di mascherine, guanti e igienizzante per le mani.