di Valentina Dirindin 4 Ottobre 2020
McDonald's

C’era una volta un ragazzo che mandò un curriculum vitae a McDonald’s e non venne mai richiamato: una storia come tante, certo, se non fosse che quel ragazzo era Alphonso Davies.

È stato lo stesso calciatore canadese di origini Ghanesi, difensore del Bayern Monaco e della nazionale canadese, nonché apprezzatissimo giovane sportivo dalla carriera in forte ascesa, a raccontare l’episodio. In un video sul canale YouTube “Jordyn & Alphonso“, che gestisce fianco a fianco con la sua fidanzata Jordyn Huitema, il giovane terzino (classe 2000, e non è un caso che il suo mezzo di comunicazione siano i social) ha rievocato una vicenda accaduta prima che iniziasse a giocare a pallone.

Davies ha raccontato di essere stato alla ricerca di un lavoretto per sbarcare il lunario e, come molti suoi coetanei, di essersi rivolto anche al colosso del fast food, che però ha ignorato il suo curriculum, “Voi di McDonald’s”, ha detto scherzando, “se mi state guardando, con tutti i miei trofei, ricordatevi che una volta ho fatto domanda per lavorare in uno dei vostri ristoranti. Ma non mi avete mai richiamato!”.

Insomma, non sarebbe stata male come pubblicità per la multinazionale degli hamburger avere tra i propri commessi un futuro campione di prima categoria. Certo però che è impensabile che McDonald’s faccia fare un provino sportivo a tutti coloro che si candidano per un lavoro. Quindi, ai dirigenti del fast food più famoso del mondo, questa volta, non resta che mangiarsi le mani (con contorno di patatine, così almeno non rischieranno di perdere i capelli).

[Fonte: Il Posticipo]