di Manuela 7 Giugno 2021
mcdonald's

Spostiamoci negli USA, più precisamente andiamo in un McDonald’s del Michigan: qui una donna aveva sparato all’interno del ristorante perché i dipendenti si erano dimenticati di mettere il bacon nei suoi hamburger. La donna è stata ovviamente arrestata e condannata dai tre ai sette anni di carcere.

La storia era cominciata in realtà nel 2014. Per ben due volte i dipendenti del McDonald’s si erano scordati di inserire il bacon negli hamburger di Shaneka Torres, all’epoca trentenne. Shaneka si era arrabbiata tantissimo quando l’hamburger che aveva ordinato era arrivato senza il bacon.

Per placare le sue proteste, le era stato offerto un pasto gratuito. Solo che per qualche bizzarra coincidenza astrale nefasta, anche nel secondo ordine era assente il bacon.

Così la donna aveva preso la pistola ed aveva sparato attraverso la finestra del drive-thru. Fortunatamente nessuno all’epoca era rimasto ferito.

Adesso Tanner Lane, un utente di TikTok, ha pubblicato un video sulla piattaforma dove spiega come sia andata a finire quella storia. Dopo aver sparato, la donna era stata rintracciata a casa sua e arrestata. L’avvocato difensore aveva provato a sostenere la tesi che la Torres avesse scaricato per sbaglio l’arma e che gli spari non fossero per niente correlati al bacon mancante negli hamburger.

La giuria, però, dopo un’ora di dibattito l’aveva dichiarata colpevole di svariati reati, fra cui porto abusivo di arma da fuoco e uso di un’arma da fuoco.

Per questo motivo è stata condannata a una pena massima di sette anni di carcere. Inoltre le era anche stato vietato di avvicinarsi a un qualsiasi ristorante di McDonald’s, ma stava poi al Dipartimento penitenziario del Michigan decidere se tale divieto dovesse proseguire anche dopo la scarcerazione.

Non è certo la prima volta che da McDonald’s succedono cose del genere: era il 2019 quando una cliente aveva sparato al ristorante perché le erano arrivate delle patatine fredde.

[Crediti | Snopes]