di Chiara Cavalleris 5 Febbraio 2018

Si può chiudere una pizzeria perché fa le pizze piccole, cioè pizzette saporite e appetitose?

Ce lo chiedevamo lo scorso ottobre, quando uno dei punti vendita della catena Rossopomodoro rischiava lo sfratto, per un motivo in apparenza assurdo.

La vicenda si svolge all’interno del centro commerciale Multivit, a Casoria (NA), di proprietà dalla società Immobiliare italiana”. Che avrebbe più volte sollecitato la pizzeria Rossopomodoro, gestita in franchising dalla società “L’Ulivo”, a interrompere il servizio di pizza da asporto, sulla base del contratto tra il punto vendita e il centro che la ospita.

[“Fate pizze piccole”: si può sfrattare una pizzeria Rossopomodoro per questo?]

Un vero paradosso: gli esercizi di somministrazione alimenti e bevande hanno il diritto di vendere da asporto, eppure l’accordo tra “Immobiliare italiana” e “L’Ulivo” escludeva questa possibilità.

La pizzeria tuttavia ha continuato ad effettuare il servizio, preparando come al solito pizze di dimensioni inferiori per i clienti che non volessero consumarle al tavolo. Così è intervenuto il Tribunale di Napoli, che ha considerato la pizzeria inadempiente e dato il via alla procedura di sfratto.

È Il Mattino, con un articolo uscito ieri, ad aggiornarci sul caso.

Lo sgombero è fissato per il 7 febbraio, data in cui i 15 dipendenti dell’esercizio rimarranno senza lavoro. Si dice molto preoccupata per loro l’avvocato Pisani, difensore dell’azienda, che commenta:

“È una vicenda kafkiana. In un contesto di disordine diffuso, dove il bar vende anche cibo –antipasti, primi e secondi– e il Bowling vende le pizze, a essere messa sotto accusa è una pizzeria con tutte le carte in regola”.

Il punto, come potete immaginare, è che le pizze più piccole fanno concorrenza ai bar e agli altri esercizi del centro commerciale. Ma, puntualizza il legale di Rossopomodoro: “La produzione di pizze in formato ridotto è prevista dal contratto di locazione e dal franchising Rossopomodoro, quindi i pizzaioli, oltre che fare pizze saporite, non hanno mai violato alcuna regola”.

[La pizza è patrimonio Unesco: venite a mangiarla in queste 10 pizzerie di Napoli]

Claudia Esposito, che gestisce il franchising di Rossopomodoro, fa una precisazione ulteriore: “Noi, come da licenza e contratto, non possiamo obbligare i clienti a sedersi per mangiare o a comprare solo pizze grandi”.

Nel frattempo, l’avvocato della pizzeria chiede l’intervento del Prefetto: “Per risolvere legalmente un problema che vede la distruzione di un’attività e la rovina di quindici famiglie, perché questa non è una questione privata, ma sociale”.

[Crediti | Dissapore; Il Mattino ]