New York, mangia in 18 ristoranti stellati in un solo giorno: è Guinness World Record

Un ragazzo è entrato nel Guinness World Record per aver mangiato in ben 18 ristoranti stellati in meno di 24 ore.

record ristoranti stellati

Nell’apprendere che qualcuno è riuscito a mangiare in diciotto ristoranti stellati diversi in una sola giornata solo una domanda può sorgere spontanea: ma come avrà fatto con le prenotazioni? Vogliamo dire, l’impresa in sé è certamente degna di lode, ma non possiamo fare a meno di pensare a quanto il nostro protagonista abbia dovuto giocare d’anticipo per assicurarsi un tavolo nei locali più esclusivi della Grande Mela. Siamo infatti in quel di New York, dove Eric Finkelstein è entrato di pieno diritto nel Guinness World Record per il maggiore numero di ristoranti stellati Michelin visitati in una sola giornata.

“No niente caffè grazie, che devo proprio scappare”

guida michelin belgrado

Eric ha raccontato di aver vissuto gran parte della sua vita in modo molto frugale, riservando la cena al ristorante per occasioni particolarmente speciali e senza aver mai messo piede in un locale stellato. Come è capitato a molti, tuttavia, l’arrivo del Covid ha innescato qualcosa in lui; e dopo essersi trasferito temporaneamente fuori dalla città ha iniziato ad apprezzare il buon cibo come non mai. Tornato nella Grande Mela nel 2021, Eric si è unito a un gruppo su Discord a tema food & beverage, e ha appreso di questo particolare Record.

LEGGI ANCHE UK: beve in 56 pub in 24 ore, battuto il Guinness World Record

“Ho davvero adorato l’idea” ha commentato Eric. “Unisce in sé la mia passione per il cibo interessante, per il completare gli elenchi e per il lavorare su qualcosa di sciocco”. La mera logistica, come brevemente accennato, si è rivelata la parte più impegnativa del record: Eric ha raccontato di aver contattato oltre 80 ristoranti ricevendo appena una decina di risposte. Quel che è peggio, quattro dei dieci locali in questione hanno poi perso la loro stella nella più recente edizione della Rossa, costringendolo a dover ricominciare da zero.

Dopo numerose (e frenetiche) telefonate ed email il nostro protagonista è infine riuscito a mettere a segno altre prenotazioni presso ristoranti che si sono dimostrati comprensivi della sua causa. “Questa è un’idea assurda nata dalla ricerca dell’indulgenza e al servizio della vanità sfrenata” ha commentato il direttore generale del sushi bar Noda. “Ci stiamo al 100%!”.

Eric, naturalmente, ha dovuto pianificare con attenzione anche i pasti e il budget: nella stragrande maggioranza delle sue visite si è infatti limitato a consumare una sola portata, come un’insalata di avocado al Le Pavillon o del caviale a Caviar Russe. Complessivamente Eric ha speso 494 dollari, equivalenti a poco più di 460 euro.

Un’ultima curiosità: perché il record fosse valido Eric ha dovuto spostarsi con i mezzi pubblici o più banalmente a piedi; mentre taxi e bicilette erano vietati – una ulteriore restrizione che naturalmente ha costretto il nostro protagonista a pianificare anche il tracciato più efficiente, chiudendo le sue visite in appena 11 ore.