di Manuela 14 Ottobre 2020
olanda

Come preannunciato nelle scorse ore, in Olanda è arrivato un lockdown parziale. Il premier Mark Rutte ha deciso di optare per questa formula per cercare di arginare l’incremento dei nuovi contagi da Coronavirus. Questo vuol dire che bar, ristoranti, locali e caffè saranno chiusi a partire dal 14 ottobre 2020.

Durante la conferenza stampa nella quale è stato dato l’annuncio, il premier ha spiegato che si tratta di una decisione che fa male, ma è l’unico modo per cercare di bloccare la diffusione della Covid-19: bisogna essere più severi in questa fase

In Olanda le misure anti diffusione Sars-Cov-2 sono state assai blande in questi mesi: non è mai stato obbligatorio l’uso delle mascherine, ma adesso anche qui il paese sta subendo un cambio di rotta. L’impennata dei contagi ha fatto sì che il Governo decidesse di rendere obbligatorio l’uso delle mascherine negli spazi interni, per tutti coloro che hanno più di 13 anni.

Oltre alla chiusura dei bar, caffè e ristoranti, poi, è stata anche vietata la vendita di alcolici dopo le ore 20, in modo da ridurre i contatti sociali responsabili dell’aumento dei casi di Covid-19.

Ricordiamo che, poi, che anche in Italia con il DPCM del 13 ottobre 2020 sono state inasprite le restrizioni anti Coronavirus con l’obbligo dell’uso della mascherina all’aperto e l’invito a non organizzare cene con amici e famigliare per più di 6 persone (oltre all’uso consigliato della mascherina anche in casa quando presenti persone non conviventi).