Pesca: la scadenza per stipulare i contratti di filiera è stata spostata al 30 novembre

La scadenza per la stipulazione dei contratti di filiera pesca e agricoltura è stata spostata fino al 30 di novembre.

pescatore

La scadenza per la stipulazione dei contratti di filiera pesca e agricoltura è stata spostata fino al 30 di novembre: l’annuncio è stato reso noto dalla stessa Alleanza delle Cooperative italiane pesca, che ha commentato con profonda soddisfazione la decisione del Ministro delle politiche agricole, alimentari e forestali di concedere la proroga in questione. Come vi spiegammo a tempo debito, infatti, il termine ultimo era originariamente fissato al 31 di ottobre: la concessione di un intero mese di tempo in più dovrebbe permettere ai settori in questione, attualmente alle prese con una profonda crisi economica, di rimettersi in carreggiata.

fermo pesca

Ricordiamo, infatti, che secondo le ultime comunicazioni redatte da Federpesca diverse imprese ittiche si sono recentemente viste costrette a interrompere, almeno in via temporanea, le proprie attività a causa dei costi di produzione ormai diventati troppo alti. Con il sopracitato mese in più, come accennato, “ci sarà modo di completare la progettazione in corso consentendo, attraverso un plafond di 50 milioni di euro del fondo complementare del Pnrr, di far partire nuove iniziative di sviluppo nelle nostre marinerie” ha fatto sapere l’Alleanza.

Quello dei contratti di filiera, spiega l’Alleanza, “è uno strumento nuovo per il nostro settore, voluto dal mondo cooperativo per migliorare il posizionamento e il valore del prodotto. Con più tempo a disposizione si potranno così cogliere meglio le opportunità offerte da questo meccanismo che richiede interconnessioni tra soggetti diversi lungo la filiera e forme di cooperazione interregionale”.