di Manuela 28 Aprile 2020
Pesca subacquea

Ancora una segnalazione di infrazione alle norme anti diffusione Coronavirus: a Napoli sono state multate due persone beccate a fare pesca subacquea notturna. I due trasgressori sono stati colti in flagrante dalla Guardia di Finanza mentre stavano facendo pesca notturna subacquea davanti al varco Bausan.

Durante i normali controlli relativi al rispetto delle norme anti contagio, ecco che il II Gruppo del Comando Provinciale della Guardia di Finanza ha scoperto due pescatori di frodo nel Porto di Napoli. I due stavano facendo pesca subacquea di notte a borde della loro imbarcazione di vetroresina.

Immediatamente i militari hanno sequestrato sia il pescato che l’attrezzatura. Il pesce è stato ributtato in mare, mentre tutto l’equipaggiamento da sub e l’attrezzatura tecnica vietatissima, fra cui spiccavano le bombole e il fucile ad aria compressa, sono stati presi in custodia dagli agenti.

I due trasgressori erano due uomini di Napoli, uno di 60 anni e uno di 58 anni. Al momento i due si sono beccati una lista di sanzioni per diversi reati, fra cui violazione delle misure di contenimento durante il periodo di emergenza Covid-19 e illecita attività di pesca.

La cosa ci ricorda un po’ quanto accaduto sulle falde del Vesuvio con quella persona multata per essere andata a raccogliere asparagi (ma solo dopo essere stata recuperata e salvata dal burrone in cui era caduta).