di Manuela 19 Giugno 2020
carabinieri

A Pioltello, in provincia di Milano, un bar è stato chiuso a causa di assembramenti, tavolini non distanziati nel dehor e clienti senza mascherina. Carabinieri e Polizia locale stavano pattugliando la zona per effettuare gli attuali controlli di routine anti diffusione Coronavirus. Quando sono transitati di fronte al locale hanno subito visto che qualcosa non andava.

Andando a controllare più da vicino, hanno contestato il fatto che i clienti erano assembrati davanti al locale e che parecchi di loro non portavano la mascherina che, ricordiamo, in Lombardia è obbligatoria quando si esce.

In più, misurando la distanza fra i tavolini del dehor, le forze dell’ordine hanno visto che mancava il previsto distanziamento imposto dalla legge. Il risultato di questi controlli è stato scontato: il titolare è stato prima multato con la prevista sanzione economica. Poi il bar è stato chiuso per 5 giorni in quanto non era stata rispettata la normativa anti Coronavirus.

Stessa cosa, fra l’altro, è avvenuta a Cefalù: anche qui il bar all’interno di un famoso albergo della zona è stato chiuso a causa di assembramenti (più di 400 persone), mancato rispetto delle distanze e assenza di mascherine da parte dei clienti. Ovviamente anche multa al titolare, oltre che chiusura del locale.