Preparato addensante per prodotti da forno di Molino Rossetto: richiamo per rischio chimico

Nuovo richiamo sul sito Salute.gov: ritirati lotti del Preparato addensante per prodotti da forno di Molino Rossetto per un rischio chimico.

preparato addensante

È stato pubblicato un nuovo richiamo sul sito Salute.gov: sono stati ritirati dal commercio, infatti, alcuni lotti del Preparato addensante per prodotti da forno di Molino Rossetto a causa di un rischio chimico. Sul sito la data di pubblicazione dell’allerta è quella del 1 settembre 2021, mentre sull’avviso di richiamo vero e proprio la data effettiva dei controlli è quella del 30 agosto 2021.

La denominazione di vendita esatta del prodotto interessato dal richiamo è L’Ov – Preparato addensante per prodotti da forno, mentre sia il marchio del prodotto che il nome o ragione sociale dell’OSA a nome del quale il prodotto è commercializzato, sia il marchio di identificazione dello stabilimento o del produttore è sempre Molino Rossetto. Il nome del produttore, invece, è Molino Rossetto SPA, con sede dello stabilimento in via San Fausto 98 a Pontelongo (PD).

torta

Questi sono i numeri di lotto con annesse data di scadenza o termine minimo di conservazione del prodotto coinvolto nel richiamo:

  • L20 163: data di scadenza o termine minimo di conservazione dell’11 ottobre 2021
  • L20 181: data di scadenza o termine minimo di conservazione del 29 ottobre 2021
  • L20 267: data di scadenza o termine minimo di conservazione del 23 gennaio 2022
  • L21 061: data di scadenza o termine minimo di conservazione del 2 luglio 2022

L’unità di vendita è rappresentata dall’astuccio contenente 3 buste da 7,5 grammi (22,5 grammi) con codice EAN 8018211900301.

Il motivo del richiamo è un rischio chimico, cioè la possibile presenza di tracce di ossido di etilene nell’ingrediente farina di semi di carrube. Per informazioni è possibile contattare il numero 3484252768.

Nelle avvertenze si invitano i clienti che avessero già acquistato i numeri di lotto sopra indicati del prodotto in questione a non consumarli e a riportarli presso il punto vendita di acquisto per il rimborso.

Potrebbe interessarti anche