Regno Unito: allevatori buttano migliaia di litri di latte causa carenza di autisti

Nel Regno Unito allevatori e produttori di latte sono stati costretti a buttare migliaia di litri di latte: mancano gli autisti per il trasporto.

latte stalla

Andiamo nel Regno Unito perché qui allevatori e produttori di latte sono stati costretti a buttare via decine di migliaia di litri di latte. E tutto perché mancano gli autisti per trasportarlo.

Un produttore di latte dell’Inghilterra centrale ha rivelato di essere stato costretto a gettare via 40mila litri di latte nel corso degli ultimi due mesi: nessun autista si è presentato a ritirarlo a causa della carenza di guidatori di mezzi pesanti. L’uomo ha spiegato che la situazione è insostenibile: è estenuante produrre latte e a fine giornata doverlo gettare via.

mucche

Da inizio agosto ha dovuto distruggere quattro carichi di latte. In passato, gli era capitato di farlo solamente due volte nel corso dei suoi 45 anni di carriera. E lo aveva fatto per via del maltempo, non certo perché c’era penuria di autisti.

Altri allevatori, invece, hanno preferito rivolgersi ai “distress milk services”: si tratta di piccole aziende che sono state create con lo scopo di acquistare latte a prezzi inferiori per trasportarlo poi in altri punti vendita, in modo da evitare che vada sprecato.

Essendo che l’anno scorso nel Regno Unito sono stati prodotti 15,3 miliardi di litri di latte, ecco che l’effetto di tale situazione ancora non si è visto nei negozi. Tuttavia è una chiara dimostrazione dei problemi che la Gran Bretagna sta attraversando. A causa della Brexit e della pandemia, mancano i lavoratori. Inoltre sulla questione sta influendo anche la penuria di carburante.

Il latte non è l’unica vittima di questa situazione: anche centinaia di maiali sani sono stati macellati perché non ci sono sufficienti lavoratori nei macelli.

Tornando a parlare di latte, Peter Alvis, presidente della Royal Association of British Dairy Farmers, ha affermato che, visto che molti produttori lattiero-caseari realizzano profitti minimi dal loro latte, ecco che qualsiasi problema si ripercuote molto velocemente su di loro.

Ancora non è nota l’entità della situazione. Rob Hunthatch, che gestisce un servizio di recupero latte a metà prezzo, ha spiegato che ha solo due ore di tempo per andare a prendere il latte quando un contadino lo chiama, prima che il latte venga distrutto. A settembre, nel solo Cheshire, è riuscito a recuperare 160mila litri di latte con un aumento di 100mila litri rispetto ad agosto, ma ne ha persi altri 80mila. Quindi è difficile dare dei dati precisi.

Potrebbe interessarti anche