Ristoranti: esce dalla crisi chi alza gli stipendi, dice uno studio

Una ricerca effettuata negli Stati Uniti rileva che i ristoranti che stanno uscendo meglio dalla crisi sono quelli che hanno aumentato gli stipendi ai dipendenti e non quelli che li hanno tagliati.

cuoco

All’ucita dalla pandemia, è scoppiata la crisi dei ristoranti, che non trovavano personale: colpa del reddito di cittadinanza (o di misure analoghe prese negli altri paesi) o forse colpa delle condizioni di lavoro massacranti a fronte di stipendi bassi e lavoro nero? Oggi un cuoco o un cameriere si trova nella posizione di poter chiedere un trattamento migliore quando fa un colloquio di lavoro: dall’altro lato, quindi, gli imprenditori hanno tutto da perdere? Non proprio, dice un recente studio di One Fair Wage: molti ristoranti negli Usa stanno alzando gli stipendi, e questo si traduce in un immediato benessere non solo per i dipendenti ma anche per le attività.

Lo studio si basa su interviste con i proprietari di ristoranti e su una scansione degli annunci di lavoro effettuata dal 24 agosto al 16 settembre 2021. “Entro maggio del 2021, abbiamo scoperto che oltre la metà (53%) dei lavoratori dei servizi dichiara di voler lasciare il lavoro e la maggior parte se ne va perché i loro salari e le mance sono troppo bassi“, ha scritto OFW. “Quasi 8 su 10 di questi lavoratori (78%) riferiscono che rimarrebbero nei ristoranti o torneranno a lavorarci solo se ricevessero un salario che consente di vivere”. Per molti ristoranti, l’aumento dei salari è diventato una necessità se vogliono mantenere il personale.

camerieri

OFW ha anche intervistato i proprietari di ristoranti che hanno aumentato i salari, soprattutto in un momento in cui i gestori lottano per mantenere a galla le loro attività. “Abbiamo deciso di eliminare il salario minimo inferiore nei nostri ristoranti e abbiamo adottato un modello per tutti i dipendenti che guadagnano al di sopra del salario minimo con mance condivise tra tutti i lavoratori non dirigenti”, ha affermato Katie Button, proprietaria di Curate a Raleigh, Nord Carolina. “Abbiamo riscontrato immediatamente una retribuzione migliore e più equa per tutti i nostri dipendenti. Ha letteralmente cambiato la vita”.

La spinta per una retribuzione più elevata nel settore della ristorazione è in contrasto con la posizione del National Restaurant Association, che sostiene che aumentare il salario minimo ed eliminare il minimo di mancia sarebbe disastroso per l’industria della ristorazione. A febbraio, il vicepresidente esecutivo degli affari pubblici della NRA, Sean Kennedy, si è opposto all’inclusione della legge sui salari nel disegno di legge Biden-Harris. Il ragionamento è che l’aumento dei salari aumenterà i prezzi dei menu, il che farà allontanerà i clienti, innescando un circolo vizioso.

Potrebbe interessarti anche