di Manuela 1 Luglio 2020
tavolini aperto

Finalmente il Comune di Roma ha deliberato sulla questione dei tavolini all’aperto per bar, ristoranti e locali: avranno il 50% in più nel Centro storico, mentre il +70% da altre parti. Questa concessione varrà dodici mesi partendo dal 31 ottobre 2020, cioè dalla data di scadenza per la presentazione delle domande.

Il problema non è di semplice gestione: da una parte abbiamo commercianti ed esercenti che hanno necessità di trovare nuovi spazi a causa delle norme di distanziamento sociale previste che causano una riduzione di tavoli e sedute. Ma dall’altra abbiamo la Soprintendenza e chi teme che si esageri nel posizionare i tavolini deturpando così l’aspetto della città.

Da qui la soluzione: i locali potranno mettere i tavolini all’aperto ottenendo un 50% di spazio in più qualora le attività si trovino dentro il sito Unesco. I bar e ristoranti al di fuori del Centro storico, invece, potranno espandersi del 70% in più.

Essendo però che in precedenza era stato consentito un aumento del 35% agli esercenti che avessero portato in municipio la planimetria, adesso per ottenere l’ulteriore spazio concesso bisognerà presentare nuovamente l’autocertificazione. Per la gioia dei municipi e dei vigili: finora sono arrivate circa mille richieste, mentre ai vigili sono arrivate solamente due segnalazioni. Il problema è che è praticamente impossibile controllare che proprio tutti tutti rispettino le regole.