di Elisa Erriu 20 Gennaio 2021
selvaggia-lucarelli-umberto-carriera-ristoratore-matteo-salvini

La giornalista e conduttrice Selvaggia Lucarelli ha scritto un articolo in cui rivela, senza mezzi termini, come e perché Matteo Salvini si dimostri particolarmente talentuoso a scovare personaggi che si rivelano “boomerang imbarazzanti da sotterrare”, come ad esempio, il ristoratore Umberto Carriera.

Perché attaccare apertamente Salvini? A quanto sostiene Selvaggia Lucarelli, il ristoratore pesarese che teneva aperti i suoi locali andando contro il Dpcm, con Vittorio Sgarbi tra i commensali (anche se poi ha proprio chiuso il ristorante al Mombaroccio), avrebbe dichiarato lo scorso anno 9.800 euro, quindi poco più di mille euro al mese. Alquanto curioso, come sottolineato dalla giornalista stessa, visto che “Possiede sei ristoranti, con 40 dipendenti, famiglia, figli, macchina, casa, bollette e lui guadagna meno che un suo dipendente.”

Nel suo articolo pubblicato per TPI.it, la Lucarelli ha presentato una lista di considerazioni a fronte delle dichiarazioni rilasciate dal ristoratore, in merito a come riesca a vivere (e gestire le sue attività) con poco più di 1.000 euro al mese. “Ognuno fa le sue scelte, non devono essere per forza sei ristoranti in attivo…”, scrive la giornalista su quanto ha detto Carriera. “Sono riuscito ad aprire un ristorante anche il primo ottobre. Si vede che lei non fa l’imprenditrice e non sa che ora i ristoranti si possono pagare anche dopo, fai un accordo per scaglionare i costi in 5/6 anni”.

Accidenti, e se è in grado di accollarsi altri debiti e di pagare il personale assunto, quali sarebbero i suoi problemi?”, sostiene la Lucarelli. “Proprio lui che non ha problemi e che paga 800 euro di tasse al mese, è il portabandiera dell’#ioapro? Tra l’altro ha appena detto che non tutti ristoranti sono in attivo, dunque bizzarro che si impegoli in nuove iniziative nella ristorazione”.

Eppure Salvini ha messo anche lui le cose in chiaro, durante una delle sue dirette: “Carriera è uno degli uomini in prima fila, non un marziano o un evasore!