di Manuela 26 Marzo 2021
spesa domicilio

Gruppo VéGé e Glovo hanno stretto una partnership che permetterà loro di portare la spesa a domicilio in 40 minuti in tutta Italia. Questo accordo riguarda il servizio di Quick-Commerce di Glovo, cioè la consegna rapida della spesa o altri prodotti di uso quotidiano.

L’accordo interesserà tutte le 33 imprese facenti parti di VéGè: si parla di 3.400 punti vendita in totale, sparsi per tutto il territorio nazionale. In particolare, questa collaborazione permetterà di ottenere una consegna rapida a domicilio in 40 minuti dal momento in cui è stato effettuato l’ordine online. Sarà attiva 7 giorni su 7 e rispetterà, ovviamente, gli orari di apertura dei punti vendita.

Gruppo VéGé non è certo un novellino per quanto riguarda il delivery: da tempo le imprese associare al Gruppo hanno implementato opzioni di home delivery e di click and collect per quanto concerne gli acquisti effettuati sulle piattaforme di e-commerce da loro utilizzate.

Giorgio Santambrogio, AD di Gruppo VéGé, ha spiegato che l’accordo raggiunto con Glovo per quanto riguarda il delivery rapido è un passo importante nella loro strategia multi touch point. Questa collaborazione permette loro di dare alle imprese socie un altro canale digitale aggiuntivo per aiutare la clientela durante le esperienze quotidiane di acquisto.

Dal canto suo Elisa Pagliarini, General Manager di Glovo Italia, ha ricordato che Glovo nasce come una piattaforma di consegna multi-categoria: il loro scopo è quello di permettere ai consumatori di ricevere a casa qualsiasi prodotto (purtroppo alcuni malintenzionati ne approfittano per effettuare consegne anche di prodotti illegali, così come accaduto a Milano: a maggio 2020 un rider di Glovo era stato chiamato per consegnare metanfetamine, mentre ad aprile, sempre a Milano, un altro rider era stato chiamato da un cliente per consegnare della marijuana).

Glovo nel 2020 è diventato un punto di riferimento per i servizi come la spesa, con una crescita del +400%. E questo trend continuerà anche nel post pandemia visto che i consumatori hanno assunto nuove abitudini di acquisto. Per questo motivo hanno deciso di investire nel Quick Commerce. L’obiettivo finale è quello di rendere accessibili in poco tempo una gran varietà di prodotti degli esercizi commerciali presenti nelle città, aiutando anche l’economia locale.

1