Spesa: aumenta del 33,6% il consumo di tonno in scatola durante il lockdown

Spesa: a causa dell'emergenza Coronavirus è aumentato del 33,6% il consumo del tonno in scatola durante il lockdown.

tonno

Se vi state chiedendo come sia cambiata la spesa durante il lockdown, pare che con questa emergenza Coronavius sia aumentato del 33,6% il consumo di tonno in scatola. Secondo gli esperti, in tempi di pandemia gli italiani tendono a preferire cibi sicuri, pratici e accessibili.

Un alimento che in questi giorni vive un momento di nuova gloria è di sicuro il tonno in scatola: secondo rilevazioni Iri il consumo di tonno in scatola è cresciuto del +33,6%.

Ma per che cosa usano il tonno in scatola gli italiani? Oltre che per mangiarlo così direttamente dalla scatoletta (un piatto in meno da lavare o da carica in lavastoviglie), gli italiani preparano un evergreen della cucina mediterranea: la pasta al tonno. Il piatto ha il pregio che, oltre ad essere comunque pratico, gustoso e con le giuste proprietà nutrizionali, è veloce da preparare.

Luca Piretta, gastroenterologo e nutrizionista dell’Università Campus Biomedico di Roma, ha commentato dicendo che la pasta al tonno fornisce sia carboidrati che proteine. Inoltre il tonno in scatola è ricco di vitamina D e triptofano, utili per il sistema immunitario, l’umore e il sonno.

Ci sono comunque molte altre ricette che si possono preparare partendo con il tonno in scatola oltre alla classica pasta col tonno.

[Crediti Foto | Flickr/pluies]

Potrebbe interessarti anche