di Manuela 9 Dicembre 2019
starbucks

Starbucks aggiorna il dress code dei dipendenti. Ma quali accessori possono indossare ora? E quali sono ancora vietati? L’azienda ha deciso di ammorbidire le linee guida del suo codice di abbigliamento consentendo ai suoi dipendenti di sfoggiare accessori prima vietati. Il motivo? Così come confermato da Starbucks a Fox News lo scopo è quello di permettere ai partner (così Starbucks chiama i dipendenti) di “portare se stessi al lavoro”.

A dire il vero Starbucks non è che è stato specifico nel riportare che cosa avesse cambiato nelle linee guida, ma report da diversi Starbucks indicano che adesso i dipendenti potranno portare i loro piercing facciali, a patto, però, che non siano più grandi di un centesimo. Precedentemente, invece, Starbucks consentiva solamente di portare orecchini o piccoli piercing sul naso.

Alcuni dipendenti, poi, hanno cominciato a postare su Twitter dei commenti soddisfatti in merito al fatto che potessero finalmente portare i loro piercing anche più vistosi al naso. Dal canto suo, però, Starbucks deve ancora confermare ciò che ha scritto nelle nuove linee guida. Tutto quello che Starbucks ha ammesso è che, seguendo il feedback dei partner, l’azienda ha deciso di semplificare l’approccio al codice di abbigliamento per facilitare la scelta del guardaroba di lavoro da parte dei dipendenti.

L’ultima volta che Starbucks aveva allentato le maglie del suo codice di abbigliamento era stato nel 2016, quando aveva permesso ai dipendenti di indossare colori scuri, attenuati o motivi tenui a differenze del semplice nero o bianco. I capelli possono essere tinti con qualsiasi colore, ma devono essere sempre puliti, pettinati e non devono ricadere sul viso. Sono consentiti anche i tatuaggi, ma non a vista su viso o collo. Inoltre i tatuaggi non possono contenere parole o immagini oscene, profane, razziste, con allusioni sessuali o discutibili.

[Crediti | FoxNews]