di Manuela 3 Giugno 2020
supermercati

I sindacati hanno chiesto che a Trento e provincia i supermercati continuino a rimanere chiusi la domenica e i festivi anche finito il lockdown, in questa Fase 3 (o Fase 2.9, chiamatela come preferite). La richiesta è stata firmata da Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs.

Le tre sigle sindacali hanno inviato una lettera a Maurizio Fugatti, presidente della Provincia autonoma di Trento. Il fatot è che il 3 giugno scade l’ordinanza che prevedeva la chiusura dei supermercati di domenica e nelle giornate festive a causa dell’emergenza Coronavirus. I sindacati pensano che sia arrivata l’ora di passare da un provvedimento temporaneo a un più generale, coinvolgendo nel mentre anche il Consiglio provinciale per realizzare norme chiare che mettano fine una volta per sempre alle aperture domenicali o festive.

I sindacati ricordano che è dal Decreto Salva Italia del Governo Monti del 2011 che chiedono alla provincia di Trento di prendere provvedimenti in tal senso per migliorare le condizioni di lavoro degli addetti al settore.

Paola Bassetti, Lamberto Avanzo e Walter Largher, i tre segretari provinciali, hanno spiegato che la liberalizzazione degli orari e giorni di apertura non ha mai provocato un aumento dei consumi o maggiore occupazione, ma solo un peggioramento delle condizioni dei lavoratori costretti a lavorare il doppio per conciliare vita lavorativa e vita famigliare. Inoltre anche in quei pochi casi in cui sono stati attivati dei nuovi contratti, erano per la maggior parte precari.