di Manuela 21 Maggio 2020
carabinieri

Supermercati nel mirino: a Matelica un ragazzo va a fare la spesa con soldi falsi, ma la cassiera lo scopre (grazie anche al dispositivo di rilevamento di banconote false) e lo segnala ai Carabinieri. Rintracciato, è stato denunciato a piede libero.

Un ragazzo entra in un supermercato di Matelica, fa la spesa e poi va in cassa a pagare. Qui porge alla cassiera una banconota da 50 euro. La cassiera, come da prassi, la inserisce nell’apposito rilevatore di banconote fasulle e la segnala subito come falsa. Il ragazzo esce e va via, ma la cassiera avvisa subito dell’accaduto ai Carabinieri.

Una volta ricevuta la segnalazione, i Carabinieri hanno provveduto a individuare prontamente il ragazzo. Trovato, è stato sottoposto a perquisizione: addosso aveva quindici banconote false, incluse quelle da 50 euro. Successivamente i militari hanno perquisito anche la casa del ragazzo: qui è stata trovata un’altra banconota falsa, questa volta da 20 euro.

I Carabinieri lo hanno così identificato: è un romeno di 22 anni che abita a Fabriano, senza lavoro e noto da tempo alle forze dell’ordine. Poi lo hanno denunciato a piede libero: il reato contestato è quello di spendita di monete falsificate.

Recentemente anche a Padova una donna aveva pagato il gelato consegnato da un rider con dei soldi falsi: qui era scattata una lite con successivo controllo da parte delle forze dell’ordine e denuncia.