di Dissapore Dissapore 19 Maggio 2021
Ristoranti

Sembrava una cifra enorme, un flusso inesauribile per salvare un settore, e a cascata un’intera economia: 28 miliardi di dollari, tanto aveva stanziato il Congresso degli Stati Uniti per il Restaurant Revitalization Fund, i sostegni per i ristoranti in versione a stelle e strisce. In soli 10 giorni dall’apertura delle domande, la Small Business Administration ha ricevuto 266.000 richieste, per un ammontare di 65 miliardi: siamo già oltre il doppio del denaro stanziato.

E già si levano voci e pressioni per rimpinguare il fondo e mantenere a galla i ristoranti locali ora che l’economia inizia a riprendersi. Lo fanno le associazioni di settore, che dall’inizio della pandemia stanno implorando aiuti pubblici a gran voce, con l’appoggio di gruppo bipartisan di deputati e senatori, che già lavorano per convincere i colleghi a mettere più soldi nel fondo.

In America, riporta il Los Angeles Times, più di 110.000 ristoranti hanno chiuso nel 2020 e 500.000 sono in gravi difficoltà, secondo un sondaggio condotto a novembre dal National Restaurant Assn. Il 37% degli operatori ha affermato che è improbabile che il loro ristorante sia ancora in attività tra un anno senza pacchetti aggiuntivi di aiuti governativi.

Il fondo per la rivitalizzazione dei ristoranti da 28,6 miliardi di dollari creato nel piano di salvataggio americano consente a ristoranti, food truck, bar, bakery, birrerie e aziende vinicole di richiedere sovvenzioni pari alla loro perdita di entrate legata alla pandemia – fino a $ 10 milioni per azienda e $ 5 milioni per locale. Il denaro non deve essere rimborsato se viene utilizzato entro l’11 marzo 2023 per il pagamento di buste paga, mutui, affitto e utenze, per costruire posti a sedere all’aperto o per forniture aziendali tra cui attrezzature di sicurezza, cibo e pagamenti ai fornitori.

Il Congresso ha fornito miliardi in analoghi ristori agli imprenditori all’inizio della pandemia, ma molti proprietari di ristoranti hanno affermato che le restrizioni su come i soldi potevano essere spesi, in particolare l’enfasi sugli stipendi  rispetto ad altre spese aziendali come l’affitto e il pagamento delle forniture, significava che mentre potevano pagare i dipendenti, non avevano le risorse necessarie per mantenere aperte le loro attività. Quindi, l’industria ha fatto pressioni sul Congresso per creare un programma specifico per ristoranti, bar e attività correlate, che era incluso nel pacchetto di aiuti economici approvato a marzo. Ha iniziato ad accettare le domande il 3 maggio. Nella prima settimana, la Small Business Administration ha emesso 16.000 sovvenzioni per un totale di 2 miliardi di dollari. Per legge, il programma deve dare la priorità alle imprese di proprietà di donne, veterani e individui socialmente ed economicamente svantaggiati per i primi 21 giorni, dopodiché vale l’ordine delle domande.

Il fondo americano è stato ripartito in fasce, nelle quali sono state riunite le aziende di dimensioni simili: tutto per evitare che, com’è successo per altri finanziamenti, il grosso diventasse bottino delle grandi imprese lasciando le piccole aziende a bocca asciutta. Ciononostante, si è arrivati lo stesso all’esaurimento del budget in breve tempo.

[Fonte: Los Angeles Times]