Usa: Top Chef nella bufera, il vincitore era stato licenziato da un ristorante per molestie sessuali

L'ultimo vincitore di Top Chef negli Usa accusato di molestie sessuali da una collega del celebre ristorante messicano dove lavorava.

top chef usa

Finisce nella bufera l’edizione Usa del talent show per aspiranti chef “Top Chef”, dopo la scoperta che il vincitore dell’ultima edizione era stato licenziato dal ristorante dove lavorava per molestie.

È l’ennesimo caso di quello che potrebbe essere l’inizio di un nuovo Me Too, questa volta culinario. A essere coinvolto questa volta è Gabe Erales, che è appena stato incoronato vincitore della diciottesima stagione di “Top Chef: Portland”, vincendo un premio di 250mila dollari.

La sua celebrazione però è durata poco, dopo le rivelazioni sul presunto motivo che lo aveva costretto a lasciare il suo posto di lavoro presso il Comedor, un ristorante messicano di lusso ad Austin, in Texas. A lanciare lo scandalo è stato l’Austin Chronicle, che ha riferito che Erales sarebbe stato licenziato “con effetto immediato”, “a causa di ripetute violazioni” delle politiche per i comportamenti sul lavoro.

Anche se nessuno si è ufficialmente fatto avanti con accuse specifiche, i rumors su presunte molestie sessuali sono corsi con grande velocità, costringendo lo chef a correre ai ripari. In un’intervista con l’Austin-American Statesman, Erales ha ammesso di avere avuto una “relazione sessuale consensuale” con un a collega dello staff del Comedor. “Ho trascorso gli ultimi sei mesi riflettendo molto su questi errori e facendo i passi necessari per essere un marito, un padre, uno chef e un leader migliori, attraverso la terapia, attraverso la spiritualità”, ha detto lo chef.

La conduttrice di Top Chef Padma Lakshmi ha affrontato i commenti sui social media su Erales con un tweet in cui ha affermato che “l’argomento è serio e merita un approfondimento”; sostenendo che lo show non fosse a conoscenza delle accuse contro Erales.

[Fonte: Insider]

Potrebbe interessarti anche