di Giorgia Cannarella 29 Aprile 2013
alex atala

La Time 100, classifica delle 100 persone più influenti stilata ogni anno dal New York Times, è sempre un buon modo per capire come va il mondo. Nell’edizione 2013, tra i Leader figurano Barack Obama e Mario Draghi, tra le Icon Aung San Suu Kyi e Mario Balotelli, e negli Artist compare lo chef brasiliano Alex Atala.

Il riconoscimento arriva, oltre alla fama raggiunta dal suo ristorante D.O.M. a San Paolo, anche per l’impegno nella salvaguardia della biodiversità amazzonica e nel sostegno alle comunità indigene attraverso la promozione e l’utilizzo di ingredienti tradizionali brasiliani.

Sul sito ufficiale della Time 100 è stato Rene Redzepi (presente nella classifica nel 2011 e nel 2012) a scrivere una presentazione dell’amico e collega, dove definisce Atala la persona che conosce più impegnata nel suo campo e devota al lavoro. In onore dello chef brasiliano, l’editor del NY Times Bobby Gosh ha preparato uno dei suoi piatti simbolo, le fettuccine fatte di cuore di palma. 

Ora tutti gli occhi del gastro-mondo sono puntati su Atala in vista della presentazione, lunedì 29, dei World’s 50 best. Secondo le nostre previsioni, lo chef potrebbe salire dal 4 al 2 posto nella classifica dei migliori ristoranti al mondo, mentre il primo posto spetterebbe ai fratelli Roca. Vediamo.
[Fine Dining Lovers]