di Giorgia Cannarella 15 Aprile 2013

Non basta la fuga di cervelli ora ci tocca assistere pure a quella dei cuochi. Cristiano Andreini, chef del ristorante Da Andreini di Alghero, uno dei tre locali sardi con una stella Michelin, ha deciso di chiudere il locale e andarsene per lavorare a Mosca.

Andreini aveva aperto il ristorante dieci anni fa, appena trentenne, conquistandosi la nomea di miglior ristorante dell’isola e, tre anni fa, la prima stella Michelin. Ora è costretto a ripartire dall’Hotel Nacional di Mosca, albergo di lusso vicino alla Piazza Rossa, anche se rifiuta di chiudere definitivamente con Alghero:

“Tornerò spesso, manterrò due attività, una trattoria e un tapas bar, formula che va molto bene in questo periodo: menu eccellente e prezzi contenuti”.

La cucina più tecnica e sperimentale del suo ristorante era apprezzata dai clienti stranieri meno dai locali più attratti dalla tradizione, poi, certo, la crisi economica ha reso le cose più difficili.

A Mosca Andreini proporrà una cucina italianissima, classici transregionali come mozzarella di bufala e ribollita, cannoli e risotto alla milanese con ossobuco. Non mancherà il tocco sardo, con proposte come fregola, pane carasau e ricci di mare.
[Corriere]