di Giorgia Cannarella 11 Giugno 2013
naveena shine

Naveena Shine è una 65enne americana con l’espressione da nonnina dolce e generosa, del tipo che ha sempre una torta di mele a cuocere nel forno.

Al contrario è la seguace di un gruppo spirituale che da oltre un mese digiuna in diretta streaming per dimostrare che il cibo solido non è necessario alla sopravvivenza umana. Un pensiero così lampante che ci si chiede come mai, in milioni di anni di evoluzione dell’uomo, non ci fosse ancora arrivato nessuno.

Secondo Naveena, il nostro spirito e il nostro corpo possono ricavare nutrimento da un’entità non meglio definita che, per comodità, lei definisce “la luce”. Per il resto bastano i liquidi: tè e acqua. Roba che, in confronto i crudisti fruttariani sono goderecci viziosi.

La donna ha smesso di mangiare il 3 maggio, documentando l’esperienza sia sulla sua pagina Facebook Living on Light – An Experiment che sul blog, che sul canale Youtube grazie a otto telecamere installate in casa sua attraverso cui tutti possiamo controllare che di notte non corra a strafogarsi di Mars fritti. Ma il vistoso deperimento è di per sé una prova: ha perso nove chili e in uno degli ultimi messaggi ha detto: “Credo che il mio corpo abbia usato tutti i grassi immagazzinati e stia cercando altre cose da consumare”.

Questo è il momento in cui finalmente inizierà a vivere di luce – o a morire di fame, a seconda dei punti di vista, considerato che la donna vuole proseguire il digiuno per altri tre mesi almeno.

Insieme ad altri 5000 adepti nel mondo, Naveena è una solariana, segue cioè la filosofia breathariana secondo cui è possibile vivere senza mangiare, semplicemente respirando o stando alla luce del sole.

Diversi seguaci sono già morti in esperimenti simili a quello di Naveena.
[Daily Mail]