di Giorgia Cannarella 4 Luglio 2013
Eatalyworld, bologna, caab

Ve lo avevamo anticipato ma adesso è ufficiale: il faraonico progetto di Oscar (una-ne-pensa-cento-ne-fa) Farinetti, fondatore di Eataly, ovvero un parco gastronomico da 80mila metri quadri alle porte di Bologna, si farà.

L’assemblea dei soci Caab, il polo agroalimentare nella periferia bolognese dove sorgerà la Disneyworld del cibo, ha approvato il progetto, questi i dettagli.

(Disclaimer: è prudente fare un po’ di tara alle presentazioni di Farinetti, che da imprenditore rodato, ha… come dire, una naturale tendenza a esagerare).

— Nome ufficiale: Parco Tematico Eataly World – Fabbrica Italiana Contadina.
— Numero di visitatori previsti ogni anno: da 5 a 10 milioni.
— Nuovi posti di lavoro: 1000 + 5000 nell’indotto.

Adesso viene la parte difficile. Bisogna reperire entro l’anno i 50 milioni necessari a costruire il percorso che illustrerà il Made in Italy alimentare dalla pasta ai dolci, da frutta e verdura ai cereali, ma sembra che i fondi si siano trovati. Nel parco ci saranno negozi e ristoranti, e poi stalle, acquari, orti e laboratori di produzione.

Apertura prevista per novembre 2015, in concomitanza con l’Expo milanese.
[Ansa Terra e Gusto]

1