di Giorgia Cannarella 29 Aprile 2013
enrico letta, premier, presidente del consiglio

In attesa di scoprire se otterrà la fiducia in Parlamento, c’è una zona di Roma dove per cui Enrico Letta è già premier, Testaccio, il quartiere dove vive da dieci anni. Uno per tutti il gestore della pizzeria Nuovo Mondo, Simone Bernardo.

Dieci giorni fa, in tempi non sospetti, Bernardo aveva scherzato con Letta: “A Enri’ me sa che stavolta te tocca”. Battuta che lo aveva fatto sorridere mentre insieme ai tre figli mangiava pizza wurstel e patate (!!!) , ma che poi si è rivelata profetica. E il proprietario se ne dispiace, perchè ora sa che quella “persona squisita” in pizzeria non si vedrà più.

Nel quartiere comunque, hanno tutti una parola buona per il neopremier, dal tabaccaio al parroco. Una persona gentile e umile, dicono, che accompagna i bambini a scuola e butta la spazzatura. “Come uno normale, uno che non se l’è mai tirata” afferma Simona Linari, della pasticceria Linari di via Zabaglia.

Se ha un difetto è la scarsa loquacità, sostiene Marcello della storica gelateria Giolitti, altro luogo di cui Letta è un frequentatore.

Dunque,  alla luce delle sue frequentazioni gastronomiche, il prossimo Presidente del Consiglio merita la nostra fiducia o no?
[Repubblica]