di Giorgia Cannarella 5 Marzo 2013
cibo, ikea, polpette

Dopo le polpette contenenti carne di cavallo servite dai suoi ristoranti, arrivano nuovi guai per Ikea. Il governo cinese ha deciso di distruggere due tonnellate di tortine al cioccolato con la griffe del colosso svedese del mobile, fermate alla dogana cinese di Shangai perché violavano gli standard minimi di qualità alimentare. Ikea ha immediatamente deciso di fermare la vendita dei dolcetti in 23 paesi.

Oltre alle torte, distrutte perché contenevano livelli eccessivi di colibatteri fecali, la dogana di Shangai ha mandato al macero il formaggio della Kraft e anche 2,7 tonnellate di barrette al cioccolato di Nestlé, perché contenevano troppo sorbitolo, un dolcificante che in dosi eccessive può causare problemi intestinali.

Del resto, mentre noi italiani continuiamo a mangiare bistecche di cavallo convinti che sia manzo, e a raccontarci leggende metropolitane sui topi cucinati nei ristoranti cinesi, Pechino ha da tempo inasprito i controlli sulle importazioni europee, specialmente dopo l’horsegate.
[Repubblica]