Milano: sette ravioli nel piatto della mensa

Che le mense della scuola pubblica non siano sinonimo di bengodi culinario è un fatto noto. Negli anni abbiamo sentito molte lamentele, per gli ingredienti non di prima scelta e per la poca cura dei piatti, quasi sempre gli stessi. Ora, l’associazione di consumatori Codacons ha depositato un’azione collettiva contro Milano Ristorazione: l’accusa alla società, […]

Rravioli, mensa, Milano

Che le mense della scuola pubblica non siano sinonimo di bengodi culinario è un fatto noto. Negli anni abbiamo sentito molte lamentele, per gli ingredienti non di prima scelta e per la poca cura dei piatti, quasi sempre gli stessi. Ora, l’associazione di consumatori Codacons ha depositato un’azione collettiva contro Milano Ristorazione: l’accusa alla società, responsabile dei pasti alle mense scolastiche, è di servire ai bambini porzioni troppo piccole.

L’azione è stata intrapresa dopo la denuncia della maestra di una scuola pubblica di Milano. L’insegnante ha fotografato un piatto di pasta servito agli alunni: sette ravioli, una porzione misera per un bambino di dieci anni eppure in linea con le porzioni di Milano Ristorazione. Che ha replicato puntualizzando che le grammature rispettano le linee guida per la ristorazione scolastica fornite dal Ministero della Salute. Il presidente del Codacons Marco Donzelli, però, fa notare:

“Non si possono non fare differenze fra bimbi di tre e di 14 anni. I piatti proposti non hanno grammature diverse a seconda dell’utenza a cui sono destinati, come specificato invece nel contratto stipulato con il Comune”.

Se l’azione collettiva del Codacons sarà ammessa dal tribunale di Milano, i genitori otterranno risarcimenti del danno patrimoniale (la somma versata per il servizio mensa) e non patrimoniale.
[Repubblica]

codacons milano ristorazione
Potrebbe interessarti anche