Sono arrivato a 123 anni mangiando riso, lucertole e foglie di coca

A 123 anni suonati la rivelazione dell’elisir di lunga vita suona senz’altro più credibile. Sentiamo allora il boliviano Carmelo Flores Laura, che alla veneranda età non solo ci è arrivato, ma pure abbastanza in forma. Nato nell’estate del  1890 nei pressi di La Paz, come certifica il Tribunale elettorale del suo paese, sta per essere inserito […]

A 123 anni suonati la rivelazione dell’elisir di lunga vita suona senz’altro più credibile.

Sentiamo allora il boliviano Carmelo Flores Laura, che alla veneranda età non solo ci è arrivato, ma pure abbastanza in forma.

Nato nell’estate del  1890 nei pressi di La Paz, come certifica il Tribunale elettorale del suo paese, sta per essere inserito nel Guinness dei Primati come “L’uomo più longevo del mondo” battendo così il record di longevità di Jeanne Calment, 122 anni e 164 giorni, deceduta nel 1997.

Come ha fatto Carmelo Flores a raggiungere questo risultato? “Cammino molto, assieme agli animali” ecco la sua prima ricetta di salute, poi per quanto riguarda l’alimentazione, da giovane mangiava lucertole e serpenti: “Aprivo loro il ventre e mi preparavo una frittura oppure li cuocevo nella zuppa”.

Oggi la sua dieta è più complessa “Posso comprarmi del riso”, e anche se i denti scarseggiano mastica quotidianamente foglie di coca. Cucina da solo i suoi pasti e non prende medicine.

Ha avuto una sole moglie, altro punto da non sottovalutare.
[Corriere della Sera]

guinness dei primati