di Giorgia Cannarella 19 Dicembre 2012
Olio extra vergine d'oliva

E’ stato approvato oggi alla Camera, in via definitiva, un disegno di legge noto come “Salva Olio Italiano”. La norma contiene molte novità in tema di etichettatura e contrasto alle frodi, vediamo in dettaglio quali sono.

L’etichetta diventa più leggibile grazie ai caratteri di minimo 1,2 millimetri per le indicazioni di origine. Dovrà essere indicato il termine “miscela” per i blend di diversa origine e sarà impossibile dare una data di scadenza superiore ai 18 mesi dall’imbottigliamento. Nei ristoranti le bottiglie dovranno: “possedere idoneo dispositivo di chiusura affinché il contenuto non possa essere modificato senza che la confezione sia aperta o alterata”. Inoltre, i condannati per frode in commercio non potranno più svolgere attività imprenditoriale o avere aiuti pubblici.

Una stretta ulteriore riguarda le vendite sottocosto di olio extra vergine di oliva, che dovranno essere notificate al Comune e potranno essere realizzate non più di una volta all’anno.
[Asca]