di Giorgia Cannarella 8 Aprile 2013
unicoop, novoli, laboratorio del gusto

Come vogliamo definire il supermercato Unicoop di Novoli, vicino a Firenze, un test, pura sperimentazione, la Coop-non-Coop? Il posto era già un riferimento obbligatorio per i foodie fiorentini, con quell’assortimento di prodotti che sta tra Eataly e il Mercato di San Lorenzo (eccellenze toscane e nazionali, alimenti bio, antimafia e di piccoli produttori, perfino la torta Pistocchi che dalle nostre parti aveva scatenato un’accesa discussione).

Ora, nel piano sopraelevato della Coop-non-Coop arriva anche un ristorante. 200 metri quadrati, cinquanta posti a sedere, sobrio arredo in legno e acciaio, il Laboratorio del Gusto parla la stessa lingua del supermercato. Cucina a km (quasi) zero, gli ingredienti provengono dal punto vendita, che per il 90% sono freschi e regionali. Menu stagionale e prezzi low cost: una formula pasto costa 10-12 euro, e si possono scegliere le opzioni carne, pesce, vegetariano e fast.

Il ristorante è aperto dalla prima colazione all’aperitivo, e promette di essere molto vivibile: alla parete ci sono tazze con tanti nomi: la mattina chi arriva prende la “sua”, giornali e wi-fi sono gratuiti. Il Laboratorio del Gusto è gestito dal bravissimo cioccolatiere Andrea Bianchini della Bottega del Cioccolato: c’è quindi da aspettarsi grande attenzione al lato dolce della cucina.
[Corriere]