Da quando abbiamo deciso che mangiare topi è una cosa normale

Il cuoco di Torre del Greco Gino D'Acampo Gino D’Acampo (no, non lo conosco nemmeno io). Di fronte alla possibilità di migliorare (?) il suo risotto, se n’è impipato alla grande degli argomenti culturali e religiosi che sconsigliano di mangiare topi. Chissenefrega se i Ghanesi lo amano, i cinesi lo fanno saltare in padella, ebrei e musulmani lo proibiscono, e la maggior parte del mondo occidentale è troppo schizzinoso anche solo per pensarci. Lui, Gino D’Acampo, cuochetto di Torre del Greco, per gli inglesi una delle tante celebrità-decerebrate, l’ha messo nel risotto. Siccome è capitato nell’ultima puntata di un reality (I’m a Celebrity… Get me out of Here!, versione britannica dell’Isola dei Famosi) per un po’ nessuno ci ha creduto veramente. Sapete… un reality. Ma ora si sono messi in mezzo gli animalisti denunciando lo chef italiano che a febbraio dovrà rispondere di crudeltà verso gli animali in un tribunale australiano. Perché in Australia, dove era ambientato lo show, uccidere e mangiare invertebrati è permesso, ma uccidere e mangiare animali non destinati alla bisogna è un reato.

“Avevo un coltello, ho visto il topo, l’ho preso, scuoiato, e cucinato, risotto al topo, la ricetta migliore che abbia mai cucinato”.

Di tutte le domande che uno si fa leggendo questa storia, e ce ne sono molte: se mangiare animali sia etico, se sia peggio mangiare un topo o un maiale o un pollo o dei frutti di mari tossici, se una qualsivoglia petizione può cancellare definitivamente i reality dalla tivù, ce n’è una che non fa nessuno, ma che tutti state pensando senza dirlo dall’inizio di questo post. E allora la faccio io.

Ma a voi l’idea di mangiare un topo non fa maledettamente schifo?

Leonardo Ciomei

10 Dicembre 2009

commenti (14)

Accedi / Registrati e lascia un commento

  1. gianluca ha detto:

    gli animalisti sono un controsenso della natura. si indignano perchè una persona mangia un topo, quando poi ogni giorno chi ha un serpente per esempio va al negozio, compra un topo vivo e lo da come cibo al serpente. come se finchè il topo lo uccide il serpente è “etically correct”, se lo uccide l’uomo è scandalo mondiale da portare in tribunale.
    io credo che l’umanità vivrebbe molto bene anche senza questi patetici animalisti.

    per il discorso dello schifo devo ammettere che a me farebbe si schifo, ma non sapendo assolutamente il sapore che può avere, sono conscio che questo “schifo” preventivo sia legato quasi esclusivamente a un fatto culturale. insomma al mondo c’è anche chi rimane schifato al pensiero di mangiare un’aragosta….

  2. io in Perù ho mangiato il cuy ed era buonissimo anche se inondato di cumino. E’ il piatto nazionale
    Il cuy è un roditore, meglio conosciuto in Italia come ‘cavia’.
    Se alimentati correttamente, come gli altri animali da normale consumo, dove sta la differenza tra un pollo, maiale o topo?
    Quello che non è etico è la maniera in cui gli animali vengono allevati, uccisi e macellati per il consumo umano.
    Se fatto nella più assoluta buona fede e col fine del consumo umano responsabile ogni animale, secondo me, potrebbe essere valido. Se ipoteticamente potessimo trovare, come cibo, qualsiasi animale non credo che servirebbero gli allevamenti intensivi di mucche, polli e maiali e conseguentemente carne qualitativamente migliore.

    http://www.davestravelcorner.com/photos/Peru/cordillera-blanca/Cuy-Guinea-Pig-Peru.JPG

    1. Kapakkio ha detto:

      Anche nel SUD Italia alcuni allevano e mangiano le cavie considerandole un’alternativa al coniglio.

  3. Bruno Stucchi ha detto:

    Andate a vedere con cosa erano fatti i “pani di carestia” nei paesi nordici (Svezia, Finlandia ecc.) e stupirete. E questo avveniva ancora nel tardo ‘700, non nel neolitico.

  4. Luca ha detto:

    Io il topo l’ho mangiato, per la precisione ratto del bambù specialità della provincia del guangxi in cina. Scelto vivo dalla gabbia fuori dal ristorante, ammazzato di fronte ai miei occhi, pesato e cucinato e a mio avviso è un’ottima alternativa al coniglio…più grasso quindi più morbido e saporito.

    D’acampo è un cuoco tv che ha fatto programmi con la bbc…ricalca lo stereotipo del paisà all’estero, tutto gesti, sorrisoni e pastalpomodoropizzamandolino.
    Se non ricordo male è comparso un paio di volte anche sulla rai alla prova del cuoco.

  5. Dipende dal topo. Era un topolino di campagna o un ratto? Il secondo mi farebbe abbastanza senso e credo sia anche cattivo.

    Io detesto chi ammazza gli animali per il gusto di farlo e con crudeltà.
    Se un pescatore si mangia tutto il pesce che prende mi va bene. Se lo pesca e poi lo butta nel secchio non mi va bene più. Idem con qualche piccola differenza per i cacciatori, con l’aggravante che nel 2009 in Italia non ha senso essere cacciatori, forse giusto se si vive in qualche montagna sperduta della val Formazza.

    Se questo cuoco ha mangiato o fatto mangiare il topo non mi scandalizzo.

  6. Esp ha detto:

    Il topo non so, ma chi non ha mangiato ghiri o scoiattoli? In fondo sono abbastanza simili, direi. Poi, c redo che sia anc he una questione di fame. Chi è sopravvisuto all’ ultima guerra raccontava che di topi ne girassero pochi anche nelle nostre città.

  7. Volendo si potrebbe anche parlare della proposta di mangiare insetti al posto della carne bovina a causa dell’elevata quantità di proteine e di energia necessaria ad ottenerle. Il concetto che viene portato avanti è che con gli insetti si sfamerebbe il mondo. Per quanto riguarda mangiarli, se me li presentate bene e non mi dite che sono insetti subito dopo averli assaggiati avrete la mia approvazione.

    Io non sono vegetariano e credo che difficilmente lo diventeri, però pagherei volentieri qualche euro in più perchè gli animali che allevano e macellano per la trasformazione alimentare, venissero allevati e macellati seguendo principi bioetici.

    Concludo segnalando un locale dove ho mangiato della pasta fresca -anche ripiena- a mio parere buonissima e un documentario sugli infortuni sul lavoro e le frodi alimentari nel modenese.

    Il locale:
    Trattoria L’Angiolina
    località S.Lorenzo di Castell’Arquato (PC)

    Il documentario:
    http://www.youtube.com/watch?v=ZybUUkosl9U

    Aloha

«