Rinculando un istante, se la cosa può tranquillizzarvi volevo dire : “andando indietro nel tempo”, i più attenti di voi ricorderanno l’esplosione e poi la gestione della crisi da parte di Eataly, la catena di supermercati per gurmé indagata dal procuratore Guariniello dopo che un cliente ha trovato dei vermi (anisakis) tra le alici del reparto pescheria.

Riconoscendo a Eataly il titolo di “posto oltre il quale non c’è alcun meglio”, e valutandolo per l’attenzione ricevuta dai media, un modello di comunicazione, Dissapore ha seguito i due momenti praticamente in diretta.

La reazione è stata dignitosa, non dignitosadafarelastoriadelmarketing, dignitosa tipo: oh perbacco. Un’opinione condivisa dalla maggior parte dei lettori.

Ma oggi Eataly è tornata sull’argomento. Sempre in linea con i testi sacri del marketing però ‘stavolta anche con gli stereotipi, il “più grande mercato enogastronomico del mondo” è ricorso al testimonial famoso. Una soluzione non proprio originale.

Tra l’altro, curiosamente, la scelta è caduta su due chef penalizzati dalle guide, o che si dice, non attraversano il loro momento migliore: Moreno Cedroni e Carlo Cracco.

E’ una mossa pubblicitaria che vi convince? E gli chef-testiomonial vi sembrano credibili? Notate tra l’altro, che anche per Eataly, come per gran parte della stampa, la sola guida che merita la citazione è la Michelin (“2 stelle Michelin”).

commenti (20)

Accedi / Registrati e lascia un commento

  1. Avatar Maurizio ha detto:

    Un po’ come se Michael Schumacher facesse la pubblicità per la Esso/Mobil “Kome è puona questa benzina ! E’ per questo ke fado (o meglio andafo) velocissimo”

  2. Avatar Damon ha detto:

    sinceramente dai maghi del marketing mi aspettavo qualcosa di meglio, e anche i testimonial non mi sembrano troppo credibili.. Ps. Ma a Cracco non bastava l’acqua Panna?

  3. Parlando in termini markettari: Cedroni e Cracco sono testimonial affini alla mission di eataly “alti cibi a prezzi sostenibili”?

    A me proprio non sembra. E mantenere la coerenza con la propria mission, è una delle prime regole da seguire in casi di crisi aziendale.

    Tra l’altro eataly (per quel che mi ricordo) non ha mai utilizzato testimonials, questo repentino cambio di strategia di comunicazione potrebbe apparire ai più sospetto o perlomeno contradditorio con la linea tenuta finora.

    Poi anche sbandierare le stelle michelin come sinonimo di garanzia per i consumatori…. maperfavore!!! Quale sarebbe il nesso?

    In sostanza -imho- hanno sgarrato fragorosamente comunicazione.

    thebigfood

  4. Il trasferimento di fiducia per osmosi tramite testimonial non è che funzioni poi tanto in un momento in cui, piano piano, sono i clienti che stanno diventando testimonial per sé stessi, grazie a internet e al fatto che siamo i famosi 54 milioni di allenatori della Nazionale, 54 milioni di presidenti del Consiglio, etc., etc…

    Questo lo ha ben capito la ING Direct, ad esempio, che ha proprio più sublinimalmente di quanto sembri usato delle persone / clienti attaccate a finti manifesti. Esemplare, come esempio di pubblicità moderna…

    Forse Eataly avrebbe fatto meglio a non fare nulla o, al loro posto, avrei fatto dei bei comunicati di scuse e di massimo impegno societario per migliorare ancora di più la qualità dei prodotti, un qualcosa di sentito, di vivido. Guardate la Toyota, che è maestra da questo punto di vista, come ha reagito di fronte ai suoi problemi ultimi di acceleratore e freni: solo messaggi di rinnovato impegno e di aumento dei controlli di qualità, cosa per la quale sono famosi nel mondo dai tempi del TQM, con il quale uscirono vincitori dalla crisi della metà degli anni ’70.

    Purtroppo, non sono Cracco e Cedroni i Quality Manager di Eataly. Probabilmente ne sarebbero ben capaci, ma fanno altro nella vita.

  5. Avatar enrico ha detto:

    Ma cosa c’entrano le stelle michelin con la sostenibilità e la filosofia di eataly? Ma dai per favore… Allora dovrebbero chiudere il loro ristorante (1 stella) di Casa Vicina? L’anno scorso Pierangelini (pluristellato) cucinava nei ristorantini e mangiavi con 15 euro. Forse non avete visto, ma pubblicità con “ci scusiamo ecc. ecc ” l’hanno fatta parecchie volte sui giornali e poi Cedroni ha anche scritto un libro sul pesce crudo ( susci & sushi) , quindi qualcosa ne sa

  6. Avatar Chiara (un'altra) ha detto:

    La nuova collezione Panini di figurine dei cuochi stellati Michelin!
    In collaborazione con Eataly.
    Con l’album, in regalo, un kit di refiregerazione rapida “anti-anisakis”.
    Collezionale tutte!!

    😛

  7. Avatar gianluca ha detto:

    passi per i testimonial, ma almeno fateli parlare con un minimo di naturalezza. la stessa frase identica….è veramente troppo finto per essere credibile

    1. Infatti e qui che secondo me hanno sbagliato..
      Per il resto , non credo che la genta faccia troppi calcoli. Moreno è rinomato per il susci
      Cracco per la carne quindi un pò centra la testimonianza.
      Di solito Moreno ha dei punti di osserazione puntuali ed impeccabili, strano che abbia accettato una frase fatta, anzi non fatta….. da lui.

    2. Avatar gianluca ha detto:

      quando si tirano fuori i soldi, si accettano tante cose…. 😉

    3. Avatar enrico ha detto:

      E chi ti ha detto che abbiano tirato fuori i soldi??

    4. Avatar gianluca ha detto:

      bho’, non lo so. solitamente i testimonail delle campagne pubblicitarie vengono pagati (e profumatamente).
      dici che in questo caso non è così?

    5. Avatar enrico ha detto:

      Credo di no o forse non direttamente visto che sono spesso a eataly a fare serate-cene ecc

  8. Saluti ai gastro-fanatici,
    Secondo me bisogna fare una doverosa separazioni tra due differenti focus.
    La comunicazione nel mondo della gastronomia può avere moltissime espressioni ma possiamo affermare che le due grosse macro aree sono quella del “fare vera” informazione e “dare la propria” informazione. Sono due intenti che, spesso, non si incontrano.
    Qualsiasi realtà gastronomica, onesta, criminale o tendente ad una delle due, che vive e sopravvive di business ha il dettaglio di dover, “in qualche modo” battere cassa per impastare la pagnotta. Allora il bivio: parliamo di “ciò che si dovrebbe” in modo da avere le lodi di tutti gli addetti ai lavori oppure ti inquarto una campagna in grado di fare aumentare i “tin” del mio registratore di cassa caricato a rotoli non fiscali? Bella domanda….

    Prendiamo l’esempio sopra riguardante la Carne. Riporto un brano:

    “Come Eataly, Carlo ha scelto la carne de “La Granda”, che è un presidio Slow Food. L’ha scelta perché sa che la nutrizione degli animali è fondamentale per ottenere una carne sana e buona. Gli allevatori della Granda non utilizzano vitamine, integratori e mangimi. Solo foraggi naturali per donare alla carne di Razza Piemontese vero e grande sapore e assoluta integrità sotto il profilo della salute alimentare.”

    Da dove cominciare?
    Da questo testo, secondo il mio personale metro di valutazione, verrebbe, penso a tutti, di smontare un concetto ogni due righe. Ne vale la pena?

    Se io fossi Cracco, mi inzaccherei la marchetta o farei lo spiegone che mi darebbe tanta stima che comunque non riuscirei a cuocere in padella?

    Bah…
    Da Torino è tutto (per ora) a voi la linea.

    1. Avatar da dove cominciare? ricomincia ha detto:


      capito poco anch’io però l’intuizione sembra esserci: dài Gianfranco, semplifica ortografia o ragionamenti e facci capire (detto con spirito cameratesco, eh, che anch’io agli inizi ho fatto faticare)