di Massimo Bernardi 21 Settembre 2011

All’inizio Facebook lo snobbavamo — perché per principio ci diverte snobbare le cose che fan tutti — però sbagliavamo, visto che oggi ci fermiamo spesso a pensare: ah, se ci fosse il “Mi piace” di Facebook nella vita reale.

Sarà che bevo troppi caffè, ma la notte che ho passato insonne è stata rallegrata dall’ultima su Facebook, ora il socialcoso vuole aggiungere nuovi bottoni in stile “Mi piace” tipo Read” (Letto), “Listened” (Ascoltato), “Watched” (Visto) per suggerire agli amici libri, canzoni e film che ci sono piaciuti. Abituarsi alle novità non è mai un problema, il vero problema è accorgersi di essere diventato un vecchio cinico. Letta la notizia, la prima cosa che ho pensato è stata: ma in fondo anche chi se ne frega di tutti questi mi piace, ma un bel bottone “Ridammi i soldi”, no?

Sapete cosa? Ci pensiamo noi. L’ultima volta che abbiamo chiesto qualcosa di simile la domanda era: “Se potessi tornare indietro nel tempo e riavere i tuoi soldi da un ristorante, quale sarebbe?“. Leggere le risposte è stato divertente. Ora però dobbiamo organizzarci e dividere le domande per categoria. Chiaro che parliamo fudenduain, come dicono a Milano.

1) NEGOZI_ Se potessi tornare indietro nel tempo e riavere i tuoi soldi da un negozio, quale sarebbe? (Valgono anche i negozi online).

2) LIBRI_ Se potessi tornare indietro nel tempo e riavere i tuoi soldi da uno scrittore, per quale libro sarebbe?

3) RIVISTE_ Se potessi tornare indietro nel tempo e riavere i tuoi soldi da una rivista, quale sarebbe?

4) TV_ Se potessi tornare indietro nel tempo e riavere i tuoi soldi da una Tv, per quale programma sarebbe? (A propos, stasera alle 21 non perdete Sara Porro che per Dissapore seguirà  in liveblog Masterchef, con Carlo Cracco, Bruno Barbieri e Joe Bastianich, trasmesso da CieloTv (canale 26).

5) FILM_ Se potessi tornare indietro nel tempo e riavere i tuoi soldi da un cinema, per quale film sarebbe?

Orfano di risposte anche su una sola delle domande, e senza niente di bello da leggere son qui che aspetto.

[Crediti | Link: Vita Digitale, Photoshop: Antonio Tomacelli]