di Lorenza Fumelli 17 Ottobre 2011

Dissapore segue in diretta la presentazione della guida “Ristoranti d’Italia 2012” del Gambero Rosso. La pagina NON si aggiorna in automatico, fate spesso refresh.

ORE 11:10 – ASPETTANDO LA GUIDA. Che il rapporto eventi/liveblog più favorevole del giorno riguardi la guida ai ristoranti del Gambero Rosso non c’è dubbio. In questo momento però, a magnetizzare il mio sguardo, è la scala mobile interna alla Città del Gusto di Roma dove sta per iniziare (11:30) la presentazione della guida con tanto di assegnazione delle 3 Forchette 2012. Buon lunedì a tutti, eh.

ORE 10:35 – Siccome i risultati non arriveranno prima delle 11:30, bene che vada, inganniamo l’attesa riepilogando i risultati della guida 2011.

TRE FORCHETTE: Vissani – Baschi 94, La Pergola de l’Hotel Rome Cavalieri – Roma 94, Torre del Saracino – Vico Equense 94. Combal.Zero – Rivoli 93, Reale – Rivisondoli 93, Don Alfonso 1890 – Sant’Agata sui Due Golfi 93. Le Calandre – Rubano 92, Osteria Francescana – Modena 92, Dal Pescatore Santini – Canneto sull’Oglio 92. Laite – Sappada 92, Dal Pescatore Santini – Canneto sull’Oglio 92, Villa Crespi – Orta San Giulio 92, Piazza Duomo – Alba 92. Il Pagliaccio – Roma 91, Oasis Sapori Antichi – Vallesaccarda 91, Uliassi – Senigallia 91. Le Colline Ciociare –  Acuto 90, Da Caino – Montemerano 90, Lorenzo – Forte dei Marmi 90, La Madonnina del Pescatore – Senigallia 90, La Madia – Licata 90, Miramonti L’Altro – Concesio 90, Enoteca Pinchiorri – Firenze 90, Trussardi alla Scala – Milano 90, St. Hubertus – San Cassiano 90.

ORE 11:38 – Raccogliere i primi rumor e sperare che siano voci impazzite, ma si può? Qui qualcuno sta dicendo che Le Colline Ciociare di Acuto, Frosinone, il ristorante di Salvatore Tassa, avrebbe perso una forchetta, cosa della quale mi sfuggerebbe il senso visto che nella guida di Roma del Gambero Rosso non è accaduto. Ripeto, è solo una voce nonché una delle prime notizie che cercherò di verificare.

ORE 11:47 – Per i maniaci delle statistiche, tra le 3 Forchette della guida 2011 avevano guadagnato punti: La Pergola (1), Reale (2), Laite (1), Oasis (1), Il Pagliaccio (3), Le Colline Ciociare (3), Lorenzo (2), Miramonti l’Altro (2), St Hubertus (2), Trussardi (4).

Li avevano persi: Vissani (1), Le Calandre (1), Caino (1), La Madonnina del Pescatore (1), Pinchiorri (3).

Avevano perso le 3 Forchette: Perbellini, Il Canto, Met.

ORE: 11:50 – Mentre gli chef aspettano ecco le 3 Forchette 2012: Osteria Francescana e Vissani 95.

ORE: 11:52 – La Pergola 94. Le Calandre, Don Alfonso, Piazza Duomo, Reale 93.

ORE 11:55 – Laite, Oasis Sapori Antichi, Dal Pescatore Santini, La Torre del Saracino, Villa Crespi 92.

ORE 11:56 – Combal. Zero, La Madia, La Madonnina del Pescatore, St Hubertus, Trussardi alla Scala 91.

ORE 11:57 – Da Caino, La Gazza Ladra, Lorenzo, Il Pellicano, La Stua, Uliassi 90.

Ecco le immagini:

TRE FORCHETTE 2012

TRE FORCHETTE 2012

ORE 12:04 – 3 Bottiglie 2012

ORE 12:05 – 3 Gamberi 2012

ORE 12:08 – Emergenti 2012

ORE 12:09 – 2 Forchette 2012

ORE 12:10 – Ristoranti/Migliori cantine 2012

ORE 12:12 – Le migliori cucine del 2012

ORE 12:14 – La migliore carta dei vini 2012

ORE 12:15 – Cuoco emergente 2012 (che non è Alessandro Ciomei come scritto nella guida ma Damiano Donati, 25 anni. Grazie alla segnalazione del lettore Antonio nei commenti)

ORE 12:17 – Ristorante con sommelier attento alla birra 2012 (vai Beppe!)

ORE 12:19 – Fate attenzione ora, iniziamo con le regioni.

Valle d’Aosta

Piemonte

Liguria

ORE 12:25 – Altre regioni.

Lombardia

Veneto

ORE 12:31 – Interrompiamo per un momento la sequenza delle foto e facciamo due conti. A occhio sembra che nell’edizione 2012 della guida abbiano perso le 3 Forchette: Miramonti l’Altro, Il Pagliaccio e l’Enoteca Pinchiorri. Invece, le hanno guadagnate: Il Pellicano, La Gazza Ladra, La Stua.

ORE 12:34 – Torniamo alle regioni:

Trentino Alto Adige

Trentino Alto Adige

ORE 12:41 – Altre regioni.

Toscana

Nelle Marche succede ciò che fino all’anno scorso sembrava impossibile. Moreno Cedroni della Madonnina del Pescatore si riprende il primato regionale su Mauro Uliassi di Uliassi, fermo a 90.

Marche

Dalla classifica del Lazio è sparito Salvatore Tassa. Le Colline Ciociare tagliate fuori probabilmente per i lavori di restauro. Ma che senso ha se il ristorante figura regolarmente nella guida Gambero Rosso Roma 2012?

Lazio

ORE 12:49 – Altri due conti tra una regione e l’altra.

L’Osteria Francescana + 3, Vissani +1, La Pergola =, Le Calandre +1, Don Alfonso 1890 =, Piazza Duomo +1, Reale =, Laite =, Oasis Sapori Antichi +1, Dal Pescatore =, La Torre del Saracino -2 (che è abbastanza impressionante), Villa Crespi =, Combal.Zero -2 (perché?), La Madia +1, La Madonnina del Pescatore +1 (sacrosanto), St. Hubertus San Cassiano +1, Trussardi alla Scala +1, Da Caino =, La Gazza Ladra +1, Lorenzo =, Il Pellicano +3, La Stua +1, Uliassi -1.

ORE 12:56 – Ancora regioni.

Abruzzo

Molise

Campania

Puglia

Basilicata

Calabria

ORE: 13:05 – Ultime regioni. Per il Gambero Rosso Il Duomo di Ciccio Sultano è il terzo ristorante siciliano. Il primo: La Madia.

Sicilia

ORE 13:09 – E’ ufficiale: sospensione del voto per Le Colline Ciociare di Salvatore Tassa. Mah!

Ancora regioni: mancava l’Umbria, vero?

Umbria

Sardegna

ORE 13:15 – Le regioni dovrebbero essere tutte, confermate? Intanto, l’affilato sguardo di Andrea Berton con Gennarino Esposito, sorridente nonostate la scoppola (La Torre del Saracino -2).

Il gigantesco Antonino Cannavacciuolo con il minuto Enrico Crippa. Nord e sud uniti in nome delle 3 forchette.

ORE 13:20Pino Cuttaia de La Madia mi fa notare che Pinchiorri ha perso una forchetta. Non commenta, neanche io.

ORE 13:23 – I curatori della guida:

Giancarlo Perrotta e Clara Barra.

Qui con me c’è Heinz Beck che si conferma campione olimpionico.

Davide Scabin dall’espressione giustamente delusa (troppo poco 91).

Niko Romito con sorella, in versione multidenti. Premiati e felici.

Alfonso e Livia Iaccarino tenuti sempre in grande considerazione dal Gambero Rosso.

ORE 13:37 – La sfilata del divo, Massimo Bottura dell’Osteria Francescana è (finalmente) primo anche per il Gambero Rosso.

Un ritorno alla forma per Moreno Cedroni de La Madonnina del pescatore, qui con la moglie.

Accursio Craparo de La Gazza Ladra, al debutto tra le 3 Forchette.

Giovanni Santini Dal Pescatore, non me lo ricordavo così simpatico.

ORE 13:40 – E ora il momento più atteso: la grande abbuffata. Con sgomento degli astanti si beve solo birra… dello sponsor.

E sulla grande abbuffata si chiude, delusione personale per Salvatore Tassa de Le Colline Ciociare.

ORE 13:54 – Gran finale con le 3 Forchette.

Campania, Piemonte e Toscana con tre locali a testa detengono il primato delle Tre Forchette, seguiti da Veneto, Lombardia, Sicilia, Marche e Friuli. Tra le osterie primeggiano con i Tre Gamberi il Piemonte, l’Emilia Romagna e la Lombardia. Infine c’è il premio per le donne con 3 Frochette: Valeria Piccini del ristorante Da Caino, Fabrizia Meroi del Laite, Lina e Maria Fischetti dell’Oasis Sapori Antichi e Nadia Santini, Dal Pescatore.

Allora, piaciuta la Guida? La discussione è aperta. Per il liveblog dalla Città del Gusto ci ritroviamo l’anno prossimo.

[Crediti | Immagini: Lorenza Fumelli, Paolo Fusco]