Carlo Petrini a Che tempo che fa di Fabio Fazio del 6 marzo 2010Oggi, anche se sbadatamente dimentichiamo di accendere il tivù quando Carlo Petrini va a Che tempo che fa di Fabio Fazio, possiamo rivederlo su YouTube o qualche altro sito. Anche perché, nel legnare il mandante del panino McItaly—il ministro delle politiche agricole Luca Zaia— e l’esecutore materiale del delitto gastronomico—McDonald’s—il capintensta di Slow Food, non si risparmia. Nel programma di Fazio, oltre a confondersi chiamandolo “Big Italy” (minuto 5 e 35″), ha assestato diverse randellate. “Quel panino non è italiano nel suo concetto” (minuto 6 e 02″). “Viene venduto come il panino delle nostre nonne ma io non ho mai visto nessuna nonna fare un panino del genere”. (minuto 6 e 15″). “Che la carne sia italiana è tutto da vedere” (minuto 7 e 20″). “McDonald’s è una multinazionale e dell’Italia non gliene frega niente” (minuto 7 e 50″). Randellate cui McDonald’s ha reagito acquistando domenica scorsa una paginata su Repubblica. Questa.

La pagina di Repubblica acquistata domenica scorsa da McDonald's

Ospita una lettera firmata da Roberto Masi, l’amministratore delegato di McDonald’s, e contiene, oltre a una serie serie di inviti a collaborare (il bacio di giuda?) lunga in modo imbarazzante, la risposta della multinazionale americana alle accuse di Carlo Petrini.

Ora, ammesso e non concesso che riusciate a leggerla, cosa non vi torna di questa risposta?

ATTENZIONE. Soprattutto sapendo che:

“Il 21 marzo sparirà  dai fast food McDonald’s,  McItaly, il nuovo panino sponsorizzato dal Ministro delle politiche agricole Luca Zaia. La  promozione è durata meno di due mesi (dal 27 gennaio al 21 marzo)”

Luca Zaia e il Made in Italy, sedotti e abbandonati, tzé!

commenti (19)

Accedi / Registrati e lascia un commento

  1. Avatar gumbo chicken ha detto:

    Mah…forse a me suona strano che in più di un anno una ricetta “di grande successo” abbia portato all’esportazione di 150 tonnellate di parmigiano; mentre in meno di due mesi McItaly – che di specifico e diverso dai panini “normali” Mc Donald’s ha solo fettina di asiago (prima ricetta/primo mese), fettina di pancetta (seconda ricetta/secondo mese), crema di carciofi e olio nell’impasto del pane sia riuscito a piazzarne 1000.
    Ah già forse bisogna considerare anche la bresaolina nell’insalata e le mele come dessert (mi pare che ci fossero)…però…!

  2. Avatar gianluca ha detto:

    l’importante è non vedere più Mc e Italy insieme. il più lontano possibile, grazie.

    🙂

  3. Ma come, non lo sapevate che il McItaly con la pancetta della Val Venosta ecc. è “un prodotto in edizione limitata”, un po’ come la Ferrari Scuderia Spider 16M. Neanche io lo sapevo, ma se contattate McD, vi rispondono quasi immediatamente, provare per credere.

    1. Infatti è un prodotto in edizione limitata nel senso limitata nel tempo. Io stesso sono andato nel McDonald’s dell’Olgiata per la notizia del prete e ho chiesto a una gentile signorina quanti panini vendessero. Lei mi ha risposto: “Abbastanza, anche forse perchè sanno che a metà marzo non potranno più ordinarlo visto che lo cambiano”. Per la data non mi cito. Quindi pensavo fosse di dominio pubblico il cambio menu (che, se non ricordo male, mi sembra sia stato pubblicizzato per altri panini messicani o di pollo ecc)
      La fanciulla è stata così precisa che mi ha anche detto che dal 22 gennaio c’era il parmigiano e dal 27 l’asiago!

    2. Avatar gumbo chicken ha detto:

      Bé ma gli speciali sono sempre a edizione limitata da McDonald’s- penso proprio per spingere la gente ad assaggiarlo finché c’è. Lo erano anche il Texano, il giapponese (o qualcosa del genere), il Ciociaro… 😆

  4. Scusate ma dove sarebbe la notizia?

    Ansa del 26 gennaio 2010:

    ROMA – In uno dei luoghi più tipici del mangiar giovane, McDonald’s, la catena fast-food che annovera circa il 50% della clientela under 30, arriva un panino e l’insalata con sapori, ingredienti, e tipicità tutte italiane. Si chiama McItaly, ed è la nuova linea 100% Made in Italy, con carne nazionale, appunto, olio extra vergine e prodotti certificati come l’Asiago Dop e la Bresaola della Valtellina Igp, in vendita da domani e per almeno sette settimane nei 392 punti vendita italiani (…)
    “Contiamo di vendere 3,5 milioni di panini McItaly in sette settimane ” ha detto l’amministratore delegato di McDonald’s Italia Roberto Masi, sottolineando come il gruppo sia “estremamente orgogliosi dell’importante riconoscimento che il Ministro Zaia ha voluto concedere a questo progetto. Da tempo stiamo dedicando grandi energie ed investimenti alla realizzazione di prodotti piu’ vicini al gusto degli italiani. Lo abbiamo fatto, con successo, col Parmigiano Reggiano che la settimana prossima porteremo nei punti vendita francesi, dopo quelli svizzeri. E lo rifaremo con le arance siciliane nel gelato, per le quali finalmente abbiamo trovato una filiera in grado di fornire tutta la nostra rete vendita”.ansa.it)

    Tra l’altro, i quantitativi di Asiago, pancetta, bresaola e parmigiano che erano stati previsti dal Ministero sembrano essere gli stessi riportati da la Pira in Nova? (non riporto i link ma uno è quello nel testo, l’altro del ministero si ritrova subito).

    Ora possiamo dire che dissapore ha contribuito alla sparizione del McItaly? Speriamo che i consorzi di tutela non se la prendano con Bernardi 🙂

  5. Avatar Maurizio ha detto:

    Vorrei far notare un aspetto della questione. Di solito, squadra vincente NON si cambia. Se il Mcitalico scompare vuol dire che NON ha avuto un particolare successo di vendite (oddio, potrebbe essere anche una questione di pura economia: con la manovra hanno avuto un mucchio di pubblicità gratuita, sfruttata la quale NON vale piu’ la pena di investire in prodotti su cui magari hanno un minore margine di guadagno). Ma se il McZaia non ha successo di vendita vuol dire che il consumatore italiano medio preferisce al suo posto i “classici” prodotti dell’ “odiato” marchio.
    Forse come italico medio (consumatore e/o produttore di (buon) cibo) NON ne sarei tanto contento.

    1. Avatar sentiamo il McMinistro ha detto:

      l’accordo che io ho fatto con McDonald è che se il panino funziona – e funziona, sono 100.000 panini al giorno – va in tutto il mondo: si troverà a Pechino, NY, Parigi, dappertutto


      filmato di due settimane fa, come italico medio non so se…

  6. Avatar frhack ha detto:

    …il periodo di permanenza del McItaly si sovrappone con la campagna elettorale.
    quale partito richiama il tricolore ?
    quale governo ha voluto il McItaly ?

    lo andrò ad assaggiare, sono curioso di conoscere che sapore ha

  7. A me risulta che al momento questo panino sia stato venduto *SOLO* in Italia, insomma una promozione di prodotti italiana per consumatori italiani e con parziale contributo indiretto dei contribuenti italiani (tramite l’amico Zaia).

    Bella incu.. Bella pubblicita’ volevo dire.

    1. Avatar Corrado ha detto:

      In effetti è così è un panino dedicato al mercato italiano. E’ divertente notare che, di solito, Mc Donalds creà panini esotici per il “sentire” locale (ad esempio: io ricordo il Mc Italiano in Giappone fatto con una pseudo mozzarella) in questo caso invece ha creato un finto panino autoctono (con nome esterofilo) mi piacerebbe conoscere nel dettagliola strategia di marketing che c’è allla base.
      Ps
      In generale questo tipo di panini ha sempre una “scadenza” se nel periodo in cui erano stati proposti hanno ottenuto successo la promozione viene ripetuta. Se anche questa promozione a successo allora il panino può anche diventare “di serie”.